Utente 161XXX
Salve mi chiamo Giuseppe ho 16 anni e il 9 maggio ho fatto un incidente frontale con il motore contro una macchina e ho urtato il mento contro il parabrezza della macchina che mi ha provocato una frattura bicondilare da scoppio con un arretramento della mandibola. Durante il ricovero ho subito un'operazione chirurgica a maxillo-facciale in cui mi ha messo dei fili di ferro che mi bloccavano la mandibola. Circa 10 giorni dopo me l'hanno tolti e mi hanno spostato in Odontoiatria dove mi hanno prima fatto fare una fisioterapia per aumentare l'apertura della bocca e per riprendere se non tutta ma almeno in parte l'occlusione precedente. In seguito mi sono stati messi dei braquet dove poi mettere degli elastici ke devo portare 16 ore al giorno e il resto del tempo fare fisioterapia ( tutta manuale che consiste nella forzatura della apertura e dell'avanzamento forzato della mandibola che come ho precedentemente detto è indietreggiata e c'è un precontatto). Adesso la mia apertura da 1,5 cm è migliorata e sono riuscito ad arrivare a 4 cm adesso il problema è che anche se ci provo con la forza non riesco a mettere i denti a linea e quindi è sempre indietreggiata la mandibola. Domani mi metteranno un bite, cosa pensate potrebbe andare bene come terapia....sono preoccupato per l'occlusione....Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
4% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Gentile utente a seguito dell'incidente che ha subito solo un mese fa i postumi chirurgici che ci riferisce sembrano normali.La fase di riabilitazione come può immagginare prevede un periodo lungo di tempo che la porterà sicuramente ad un recupero completo.
La presenza di un precontatto e la presenza ancora di arretramenro mandibolare dovrebbero essere migliorati dal byte,che procedendo ad un rilassamento muscolare e favorendo il riposizionamento dei condili nelle giuste sedi avrà effetti positivi nel miglioramento dei disturbi che ci riferisce.