Utente 160XXX
Gentili medici, sono una ragazza di 13 anni.
Vorrei sottoporre alla vostra attenzione il mio caso.
Nel 2002 ho avuto una reazione allergica a Tachipirina in supposte. Nella notte, mi sono recata in ospedale e i medici del Pronto Soccorso hanno pensato che fosse stata una puntura di insetto. Un anno dopo, nel 2003, dopo aver somministrato un antinfiammatorio, precisamente il Niflan, nella notte ho accusato una seconda reazione allergica.
In tutti due i casi, la reazione si è manifestata con gonfiore del labbro e del parmo delle mani. Andando in cerca di una risposta al mio problema, il medico mi ha riscontrato un'allergia ai Fans, al paracetamolo. Inoltre, mi disse, essendo troppo piccola, di dover aspettare alcuni anni, fino a 13, prima di fare le prove allergiche. Fin ora, quando ho avuto dei problemi di salute come febbre, ho assunto cortisone, il Bentelan.
La settimana scorsa, sono ritornata dallo stesso dottore. Essendo ancora piccola, dovrò ricoverarmi per dei giorni nel reparto di pediatria e testare Aulin e Spasmex. Tutti gli altri antinfiammatori, invece, sono già "volati via". Ora vorrei sapere da voi, gentilmente, è saggia questa risposta? Potrà risultare positivo il test? Inoltre, gentilmente, potrei anche sapere quali tipi di farmaci dovrei evitare?
Grazie in anticipo. Aspetto una vostra risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buongiorno.
Il termine corretto per la Sua diagnosi è intolleranza ai FANS (nel Suo caso includendo nella categoria il paracetamolo), non allergia: si tratta infatti di reazioni in cui il sistema immunitario non interviene, provocate dal blocco di una particolare via metabolica.
Questo significa che il rischio di una reazione (che si manifesta in maniera del tutto simile ad un'allergia, per cui denomina anche pseudoallergia) esiste teoricamente per tutti i FANS. Però non tutti hanno la stessa "forza", per cui è noto che alcuni sono generalmente meglio tollerati (ad esempio la nimesulide). E' opportuno che il test sia eseguito in ambiente controllato, cioè quello ospedaliero.
Quindi per il momento deve fare come Le hanno già detto: evitare tutti i FANS, fino all'esecuzione del test per la nimesulide.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 160XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio, anche se con ritardo, per la risposta.
Vorrei farle una seconda domanda. Siccome alla mia età durante il periodo delle mestruazioni mi viene mal di testa forte, cosa posso assumere in alternativa ai fans?
Purtroppo non ho ancora fatto le prove.
A presto.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Generalmente si consigliano analgesici che non rientrano nella categoria dei FANS (es. oppiacei), ovviamente previa approvazione del medico curante. Tenga però presente che tali farmaci possono avere effetti indesiderati piuttosto fastidiosi, per cui Le consiglio di provvedere al più presto al test di tolleranza per un FANS.
Saluti,