Utente 380XXX
salve, sono un ragazzo di 22 anni, a dir poco disperato....
da gennaio mi è stato ritrovato "strafilococco fecale" che mi ha provocato prima una cistite in vescica, dopo è andato ad attaccare la prostata dal mese di marzo circa... NON HO MAI AVUTO RAPPORTI ANALI!!!!
ma ho sempre avuto problemi in intestino( MEGACOLON)
ho fatto la spermiocoltura solo da poco,SEMPRE STRAFILOCOCCO,prima avevo seguito la diagnosi e quindi la cura del mio urologo PER LA PROSTATITE: mi aveva dato una sola settimana di levoxacin 500 (penso che non sia stato sufficiente per debellare l'infezione), prostil f3 e topster supposte.
purtroppo il problema sussiste, nonostante abbia perso 15 kg, modificato totalmente l'alimentazione ecc....
in questo momento, dopo aver consultato un'andrologo, sto assumendo per sette giorni un'altro antibiotico, stavolta per iniezioni: si tratta di NEBICINA J01GB01.
Non so più cosa fare, non so come questo batterio sia andato a finire nelle vie spermatiche, assieme all'antibiotico sto assumendo un lassativo, dei fermenti lattici e ancora il prostil f3.
Vi prego datemi un consiglio, ho paura di rimanere sterile e non sopporto più questo problema che sembra non voglia lasciarmi..
conoscete un centro nazionale all'avanguardia, nel caso in cui nonostante la nebicina la cosa persiste?
scusate sono logorroico, ma AIUTOOOO!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore 38020,

il fatto di aver ritrovato uno stafilococco fecale nelle urine o nello sperma non è un evento così drammatico da dover creare paure angoscie o preoccupazioni eccessive.
Basterà seguire i consigli dello specialista che, sulla base dei dati forniti da alcune semplici colture delle urine e dello sperma,riuscirà a debellare una inezione che deve essere comunque considearta come infezione abbastanza "banale".
Stia tranquillo e prosegua nella giusta terapia
cari saluti
[#2] dopo  
13785

Cancellato nel 2013
concordo pienamente con il Collega
[#3] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2007
buonasera dottori,
innanzitutto vi ringrazio per la vostra cordiale risposta e per le rassicurazioni che mi avete dato...
non vi nascondo francamente però che la mia preoccupazione sta nel fatto che gli antibiotici che finora ho assunto non hanno debellato l'infezione!!!! può essere che il mio corpo non reagisce bene, qual'è il vostro consiglio?
grazie dinuovo...
a presto
[#4] dopo  
Dr. Salvatore Macaluso
24% attività
0% attualità
0% socialità
CAMPOFELICE DI ROCCELLA (PA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Caro amico ,

le consiglio anch'io di stare tranquillo : la sua è una delle tantissime storie di pazienti affetti da prostatiti che necessitano di terapie ripetute per riuscire a guarire .
Il fatto che ancora non sia guarito non dipende da particolari caratteristiche del suo corpo ma dal fatto che la ghiandola prostatica è ricoperta da una robusta capsula , che si fa attraversare solo da alcuni antibiotici ed in piccolissime dosi .
Auguri !
[#5] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2007
gentili dottori,
starò d'ora in poi più tranquillo....
il pensiero però di dover convivere con un'infezione alle vie genitali all'età di vent'anni è davvero psicologicamente pesante da sostenere...
nonostante stia ormai terminando il ciclo di antibiotico citato sopra, nebicina, non noto risultati... questa condizione mi blocca, me ne dovrò fare comunque una ragione, penso che ormai si sia cronicizzata la prostatite...
grazie, comunque, per il vostro sostegno!
vorrei chiedervi tante cose, ma nello stesso tempo immagino già le risposte, potreste comunque indicarmi un centro all'avanguardia per questo tipo di problemi a livello nazionale? grazie