Utente 162XXX
Salve, sono un ragazzo di 18 anni, e da qualche giorno persiste, durante rapporti o masturbazione un'assenza di piacere sessuale ed eccitazione. Tutto ciò è avvenuto nel giro di pochissimo tempo (2 giorni) prima del quale tutto era regolare. Sono presenti comunque sia l'erezione e sia l'eiaculazione, ma la sensibilità è scarsissima, quasi assente. Escludo problemi di natura psicologica, in quanto il desiderio c'è. Attendo al più presto vostri chiarimenti.
Cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
l' escludere aprioristicamente cause psicogene significa avere una personalità molto incline a questi problemi. Altre cause sono ormonali o neurologiche, raramente circolatorie. La causa psicogena è anche la più probabile vista larepentinità della insorgenza e la sua giovane età. Non è una diagnosi è un invito a non scartare ipotesi. Consulti un collega dal vivo
[#2] dopo  
Utente 162XXX

Iscritto dal 2010
Buongiorno, dottore, la ringrazio per la risposta. In effetti ha ragione riguardo alle cause circolatorie, in quanto comunque il sangue circola bene e inoltre i fattori psicogeni noto che, anche se in maniera non frequente, sono presenti, infatti si verifica ogni tanto l'insorgenza di pensieri come "ce la farò a risolvere il problema" oppure penso molte volte che la mia vita sessuale sarà compromessa da questo problema. Comunque la segnalo che prima di questo problema, soffrivo di eiaculazione precoce, e ci mettevo circa 3-4 minuti per venire, sa se possa essere questa un'ulteriore causa?
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
L' eiaculazione precoce è frequentemente psicogena, e se non trattata ffinisce per provocare queste ed altre grane. Consulti un collega è ora.
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
l'aiaculazione precoce, non diagnosticata e non risolta, danneggia il normale fruire del desiderio e dell'eccitazione, come le ha giustamente fatto notare il Dr.cavallini.
Consulti un andrologo e, contemporaneamente un sessuologo clinico, con i quali effettuare una corratta diagnosi differenziata, per capire cioè cosa viene prima e cosa viene dopo, al fine di ritrovare serenità sessuale e relazionale.
La terapia psico-sessuologica è quel percorso terapeutico, che lavora con la sua sessualità, psiche-corpo-tempi eiaculatori e, gestione dell'ansia.
Auguri.



www.valeriarandone.it