Utente 162XXX
salve, vorrei porre una domanda di carattere generale su questo argomento.
un soffio al cuore..(in una sua qualsivoglia forma) può determinare una ossigenazione meno efficace? per esempio potrei spiegare il mio caso..anche se la domanda è generale come già spiegato..perché potrebbe essere solamente un'impressione.
5 anni fa (in piena attività sportiva)..mi viene riscontrato un soffio al cuore (probabilmente dovuto ad una partita in cui ho giocato con la febbre alta) inizialmente il dottore m'aveva proibito di giocare a livelli agonistici finché non sarebbe migliorata la situazione, quindi decido di smettere di giocare..anche fra amici. dopo 2 anni provo una partitella e giustamente non ho più fiato..così decido di iscrivermi in palestra per migliorare gradualmente lo stato fisico. dopo quasi un anno torno da un altro cardiologo per una visita e mi dice che posso giocare tranquillamente..però se ho febbre di prendere subito antibiotici.
comincio ad allenarmi seriamente..svolgendo allenamenti giornalieri di tipo palestra, atletica 100-200 metri, e calcio. questo per un arco totale di 2 anni e mezzo estati comprese. adesso però ho problemi di fiato solo se il riscaldamento è minimo o nullo..(quindi comprensibile) ma ho un problema di stanchezza muscolare..è possibile che il soffio (se ricordo bene era proprio vicino qualche entrata ventricolare [potrei dire cavolate ma ricordo solo questo]) non faccia passare bene il sangue e quindi non riesca ad ossigenare correttamente i muscoli o il corpo in generale?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Il soffio cardiaco è un reperto auscultatorio estremamente aspecifico e che andrebbe indagato con l'esecuzione di un ecocardiogramma (anche se alcune caratteristiche uditive possono classificarlo come soffio benigno soprattutto in soggetti giovani). Se non si associano al soffio importanti patologie valvolari (che possono essere identificate solo con tale esame), non determina nessun problema nello svolgimento di una attività sportiva.
A disposizione per ulteriori consulti