Utente 110XXX
Buonasera,
vi scrivo in merito ai miei tempi di erezione. Faccio riferimento al tempo necesario per passare dallo stato di riposo a quello di erezione. Ho notato che in genere, ci sono uomini che toccandosi in pochi secondi riescono a raggiungere subito una erezione completa, invece io faccio più fatica nel senso che mi occorre più tempo. Inoltre, il mio pene allo stato di riposo è più duro al tatto rispetto ad altri, che è più flaccido. Mi sembra che ci siano quindi diversi gradi di flaccidità/durezza del pene a riposo. Quindi, chiedo se il mio pene che in sede di riposo è più duro al tatto, ha bisogno di più tempo per arrivare all'erezione completa.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il parametro da Lei addotto come indicatore di funzione e'
assolutamente errato.Non esiste alcun rapporto tra la consistenza del pene a riposo e la valenza erettiva,anche,e soprattutto,in considerazione della variabilita' legata a condizioni quali lo stress,il freddo etc.Cordialita'.