Utente 150XXX
Gentili dottori, ho un figlio disabile grave che deve essere sottoposto a una bonifica del cavo orale per carie;poiché non è collaborativo farà l'intervento in day hospital in anestesia generale con propofol e miorilassanti. Soffre di pollinosi ed ha avuto in passato due episodi di porpora dopo due somministrazioni di paracetamolo. Ora stanno sorgendo tante complicazioni perché l'equipe ha richesto prima dell'intervento i test per gli anestetici, sia tramite ricerca delle IgE (il ragazzo non ha mai fatto interventi né gli sono mai stati somministrati anestetici) sia attraverso prove cutanee.Anche se il rparto è un reparto per non collaborativi, l'allergologo è fuori ospedale, in un distaccamento, il ragazzo non riesce a fare un secondo prelievo e le prove, ed è tutto fermo.
Io ho avuto in passato edema di Quinke dopo aspirina, ed eritema a farfalla dopo paracetamolo, la diagnosi è stata "intolleranza di natura pseudoallergica non IgE mediata", e prima di fare un intervnto ho semplicemente osservato un protocollo cautelativo ad inizio tre giorni prima, e durato fino a quattro giorni dopo.
La domanda è: sono necessarie queste prove? Quanto sono dirimenti e sicure? Non basta un protocollo protettivo? In pratica mi stanno dicendo che, pur con anamnesi negativa per ulteriori reazioni oltre a quelle note, in assenza di queste prove mio figlio non sarà operato, e d'altronde la sua non collaborativtà sembra un fatto totalmente condizionante.Pregherei una gentile risposta. Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buonasera,
per quanto riferito, la storia clinica di Suo figlio non pone stretta indicazione all'esecuzione di test per anestetici.
Ad ogni modo è l'allergologo di riferimento che deve decidere, in scienza e coscienza, o secondo le linee guida di eventuali protocolli aziendali.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 150XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille per la gentile e... chiarissima risposta. Vorrei chiederle se ha un senso la proposta che è stata fatta ora per test cutanei tramite prick test. A parte che sarà difficilissimo eseguirli, che valore possono avere per i farmaci? E soprattutto, non possono essere,se negativi, perfino sensibilizzanti? Scusi l'insistenza, ma sta diventando una storia infinita, e la preoccupazione cresce. E' possibile che non si arrivi all'ok? Ho ribadito che i problemi finora sono stati porpora anafilattoide per paracetamolo, congiuntivite da graminacee, e familiarità per "pseudoallergia non igE mediata", ma le cose vanno per le lunghe. Se sarà così paziente da dire cosa ne pensa ne sarò felice. Grazie.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Prego.
I test cutanei per anestetici consistono in prick test e intradermoreazioni, pertanto richiedono collaborazione da parte del paziente (deve stare fermo). Per quanto riguarda il propofol, bisogna accertarsi che non esista una storia di reazioni a uovo e soia.
Il rischio di indurre una sensibilizzazione è decisamente basso, ma chiaramente non è pari a zero (si tratta pur sempre di un'esposizione, seppur minima).
Spero che la cosa si possa risolvere rapidamente.
Saluti,