Utente 768XXX
Sono in terapia da un Sessuologo da Novembre 2009 per eiaculazione precoce, ero già stato in terapia anni fa con un altro Andrologo che mi prescrisse Emla Crema, e devo dire che fece il suo effetto duravo molto di piu e l'obbiettivo di fare venire prima lei di me si avverò.

Poi decisi di andare piu a fondo al problema e consultai un sessuologo dalle mie parti (anche famoso in europa).
Il mio obbiettivo era migliorare la mia "Performance" senza l'utilizzo di Creme....devo dire a distanza di 7 mesi...le cose non sono migliorate un gran chè....nel senso che alcune tecniche di rilassamento e contrazione addominali quando sentio lo stimolo di Eiaculare non fanno piu effetto...e sono tornato alla Crema Emla, Il mio Sessuologo non vuole che io la usi...ma se con quella crema riesco ad avere un rapporto piu tranquillo e meno fastidioso dato dall'Immediato stimolo di eiaculare, non vedo il motivo perchè io non possa usarla.
Secondo punto non vuole che usi il Priligy ( per altro mai provato).
Mi ha poi mandato da un suo Amico Andrologo Quando gli ho detto che duravo anche 10 minuti, mi ha risposto che non mi prescriveva il Priligy...( Il fatto è che duro anche 30 minuti, ma con la Emla!!!! ) senza è un problema.
Ora sono arrivato ad un punto cruciale, vorrei lasciare il consulto Psicologico, e magari trovare un medico che mi prescriva questo Priligy.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
spesso l' eiaculazione precoce è psicogena, più raramente secondaria a problemi infiammatori o malformativi o ormonali.
Qui non abbiamo diagnosi, personalmente ad un giovane della sua età preferisco curare il problema scatenante (compresa lapsicoterapia) piuttosto che ricorrere a farmaci sintomatici come la dapoxetina.
Dal momento che è in cura psicologica devo arguire che il suo sia un problema di tal genere. In questi casi si obbedisce al sessuologo e sarà lui poi ev. a indicarle collega medico per las prescrizione, in altro modo rischia di alterare il successo della psicoterapia.