Utente 162XXX
Salve,
vorrei sottoporvi una domanda.
Sono un trentacinquenne stressato e impegnato nella norma, non particolarmente ansioso e per niente propenso all'uso di farmaci.
Non bevo, se non in rare occasioni di compagnia e in moderatissime qunatità, e sono fumatore (20 sigarette al giorno).
Conduco una vita sedentaria, faccio lavoro d'ufficio e sono seduto per otto ore al giorno.

Da circa un anno avverto indolenzimento degli arti (soprattutto lato sinistro) e senso di spossatezza e stanchezza.
Spesso, mi capita che alla guida dell'auto nel traffico mi si addormentano le dita del piede sinistro.
Lo stesso mi accade a volte, per le dita della mano, soprattutto al mattino, appena sveglio.
A volte ho la sensazione di perdita dell'equilibrio e frequentemente mi capita di "assentarmi" mentalmente durante riunioni o conversazioni.
Ho frequenti fitte al petto lato sinistro e oppressione con bruciore al petto più frequenti la sera o durante la notte (al punto da svegliarmi).
Avevo attributo le fitte al petto e il bruciore al freddo invernale, ma continuano con la stessa frequenza durante tutto l'anno, estate e inverno.
Questi i disturbi più ricorrenti.
Negli ultimi mesi, poi, si sono verificati episodi di fitte alla testa (non frequentissimi per na verità), mal di testa più frequenti, sensazione (stranissima!) di indolenzimento e pulsazione delle narici ed in questi ultimi giorni una sorta di "pulsazione in gola" al lato destro, con frequenza bassissima (una volta ogni due/tre minuti)
così strana che non riesco neanche a descriverla.
Mesi fa, a causa dei formicolii che ho descritto, su consiglio di un ortopedico, per sospetti problemi alla cervicale, ho eseguito una RMN cervicale, dorsale e lombo-sacrale
senza contrasto, con esito negativo.

So di aver descritto sintomi generici e forse senza senso. Ma in ogni caso ho una perenne sensazione (fisica, più che mentale) di non sentirmi mai davvero bene e "in forma".
Ho anche eseguito un elettrocardiogramma, e l'esito è stato negativo.
Mi resta però il dubbio di ulteriori approfondimenti.
A cosa potrebbero essere riconducibili questi sintomi?
Quale specialista mi conviene consultare?
Grazie mille in anticipo per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Molti dei sintomi che descrive sono poco probabilmente correlabili a disturbi cardiaci. Alcuni di questi potrebbero essere correlati a sbalzi pressori, che le consiglio di controllare.
Diverso è il discurso per i bruciori notturni una volta piu' frequenti con il freddo. Descriva i suoi sintomi al medico curante perchè accertamenti cardiologici ulteriori potrebbero essere indicati.
Sarà una visita specialistica a valutare l'indicazione per una prova da sforzo ed una ecografia cardiaca.
A disposizione per ulteriori consulti