Utente 867XXX
Salve a tutti,
ho una domanda su un problema che mi riguarda negli ultimi giorni.
Premetto che 2 settimane fa ho dovuto fare un trasferimento tra 2 città molto distanti tra loro, e quindi sono stato - e sono tuttora - piuttosto stanco e stressato. Forse questo c'entra con quanto mi sta succedendo.
Ma vengo al punto: i primi giorni nella nuova città, quando non avevo ancora la possibilità di accedere alla casa che avevo preso in affitto, ho dormito in un ostello. Le prime notti eravamo in 4 in una stanza con 16 letti, faceva molto caldo, e le finestre sono rimaste spalancate tutta la notte. Ovviamente ogni tanto sono stato svegliato dalle zanzare; qualcuna sono riuscito a sc(hi)acciarla, altre le ho lasciate fare, altrimenti non dormivo più.
Risultato: la mattina ero pieno su braccia, gambe e collo di punture, comunque poco evidenti e poco pruriginose.
Sono passati 6-7 giorni, finalmente sono entrato in casa. La 2° notte in casa sono stato nuovamente punto da una zanzara e ... la mattina dopo mi sono svegliato con le vecchie punture che erano state come "riattivate". Ne ho approfittato per contarle: in tutto sono più di 80.
In un primo momento ho pensato ad una reazione allergica, ed un po' mi sono spaventato, anche perché 2 anni fa andando a funghi in primavera fui punto da una zecca e si sviluppò un eritema migrante classico; poi mi curai con i crismi del caso, con 4 settimane di antibiotico specifico ed è tornato tutto a posto ... però insomma, mi è rivenuto in mente quello spiacevole episodio e mi è presa un po' di paura.
Comunque poi andando avanti con le ore non si sono sviluppate nuove bolle, il prurito è rimasto sopportabile, e non ci ho fatto caso più di tanto.
Tuttavia adesso sono ormai 60 ore che sono ricomparse queste bolle, e continuano a rimanere lì; lentamente hanno assunto le sembianze di bollicine larghe non più di 1-2 mm con una capocchietta più chiara in rilievo ed un alone attorno praticamente inesistente, un po' come le bolle provocate da acari come la Trombicula autumnalis (sì ... spesso sono stato preda anche di queste).
Insomma, da 2 giorni a questa parte vado in giro con le sembianze di una persona affetta da varicella o chissà cos'altro, e questo mi da anche un po' fastidio.
Cosa devo fare? Aspetto ancora un po'? Vado in farmacia e mi compro una crema?


Grazie della pazienza, e buona giornata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Salve,
quanto descrive è quantomeno singolare. È sicuro che si sia trattato di una riattivazione delle vecchie lesioni? Non potrebbe trattarsi di lesioni nuove?
Quale crema comprare, se non si sa che cosa sta succedendo?
Il mio consiglio è di far valutare le lesioni da un dermatologo; inoltre le documenterei subito con delle foto (per eventuali necessità future).
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 867XXX

Iscritto dal 2008
Innanzitutto La ringrazio per la risposta celere.

Con il trasferimento da una città all'altra e con il lavoro che mi prende tutta la giornata al momento non ho potuto ancora farmi vedere nemmeno dal mio nuovo medico di base (mi sono iscritto alla ASL ieri durante la pausa pranzo, andrò dal medico stasera).
Di conseguenza nel frattempo mi sono rivolto ad una farmacia dove, nel dubbio, mi è stata data una crema NON cortisonica (Ustiosan) per lenire il prurito, comunque sopportabilissimo.
In realtà dopo i primi giorni il prurito è sparito spontaneamente, ma ancora adesso permangono queste bolle, che nel frattempo si sono fatte un po' più scure. Qualcun'altra è comparsa sulle dita delle mani negli ultimi 3-4 giorni, e quindi effettivamente decade la coincidenza tra puntura di zanzara e sede della bolla.
Nella mia ignoranza in materia ho provato a consultare un po' di materiale sul web (so benissimo che spesso si può essere fuorviati, e quindi considero tutto quello che ho letto con il beneficio del dubbio), e non sono riuscito a trovare niente di corrispondente.
Ma mi è venuto un dubbio: ho fatto tutte le malattie infettive classiche, eccetto la scarlattina (che ho visto però avere caratteristiche differenti). La varicella l'ho fatta a 14 anni (ora ne ho 32), con tantissime bolle nel viso e qualcuna sul tronco, febbre alta ma niente prurito ... e ho notato la coincidenza nella localizzazione attuale delle bolle proprio nelle zone che erano state risparmiate dalla malattia ai tempi.
Visto che a quanto ho capito il virus della varicella non viene mai sconfitto definitivamente e rimane nell'organismo vita natural durante, è possibile che si manifesti nuovamente e non necessariamente come Fuoco di Sant'Antonio, e soprattutto senza febbre ne altri sintomi particolari se non le bolle? Effettivamente le condizioni di stress e possibile calo delle difese immunitarie in questo periodo ci sono tutte, visto che oltre al trasferimento vengo anche da una laringite che mi ha tediato per 2 mesi.
Scusate la lungaggine, ma come avrete capito sono un tipo curioso e con tanta voglia di imparare.
Questa sera, come già accennato, vado dal nuovo medico di base; eventualmente vi riferirò quali sono state le sue indicazioni.

Grazie ancora,
Lorenzo
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Prego.
Restiamo in attesa: anche noi siamo curiosi.
Saluti,