Utente 163XXX
Buon giorno, quattro anni fa ho subito un intervento per asportazione di ciste sacro coccigea con intervento di seconda intenzione.
L'intervento e le cure sono stati dolorosi ma riusciti perfettamente.
Ora a distanza di 4 anni si e' formata una infezione sotto la ferita e la presenza di pus e' confermata.
Mi trovo all'estero (indonesia) dove la percezione del problema e' totalmente differente e la soluzione (definita urgente) e' un un nuovo intervento questa volta ambulatoriale per asportare il pus e una medicazione simile a quella di seconda intenzione.
Quale e' la soluzione migliore non potendo rientrare in Italia in tempo? Dopo l'intervento, come praticare le cure necessarie?
GRazie per una urgente risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Ho paura che i Colleghi abbano ragione: se c'e' una raccolta di tipo ascessuale il drenaggio della medesima e' una procedura da fare subito. Questo pero' non sarebbe un intervento definitivo: se la causa dell'ascesso fosse una cisti sacro-coccigea potremmo essere in presenza di una recidiva e quindi quest'ultima andra' operata (una volta guarito l'ascesso) pianificando un intervento probabilmente simile a quello gia' effettuato 4 anni fa. Ma a questo forse potra' pensare con calma quando tornera' in Italia.
Cordiali saluti