Utente 158XXX
Gentili dottori,sono un ragazzo di 21 anni.Da qualche giorno accuso un fastio intercostale alla costola destra ,il tutto è iniziato da un infiammazione della parte lombare della schiena e una sera mentre mangiavo sentivo un poi di gonfiore (come meteorismo) premetto che da poco ho fatto varie visite da alcuni gastroenterologi per l elicobacter che mi era stato diagnosticato con esame delle feci e l ho successivamente debellato e verificato con il breath test,il gastroenterlo ha quindi escluso la gastroscopia poiche ha ritenuto che fosse non necessaria anche se io volevo farla,diciamo anche ch quest anno sto passando un lungo periodo di stress per la mia eccessiva attenzione sul mio corpo,infatti avevo fatto a fine novembre gli esami generela di sangue e urine risultati tutti nella norma,a febbraio la visita cardiologica con elettrocardiogramma e a fine marzo un ecografia dell addome per vedere fegato milza pancreas e reni e l unica cosa era rislutate milza e fegato un po ingrandite ma assolutamente nella norma..infine ho fatto un test per le intolleranze alimentari e a breve avro i risultati..pe il fastidio intercostale potrei pensare che sia un problema di schiena dato che ho una scoliosi e sto molto tempo al computer o dovrei preoccuparmi che sia un problema intestinale o al fegato (anche se dalla fecchia ecografia non c era nulla)?grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Dato che ha eseguito parecchi accertamenti, anche strumentali, escludendo le principali malattie a carico dell'apparato digerente, non credo che un problema al fegato o all'intestino possa dare il disturbo a livello intercostale che lei descrive. Difficile anche attribuirne la causa alla scoliosi. Piu' probabile invece una sofferenza dei muscoli intercostali, per la quale eventualmente il suo Medico di Famiglia potrebbe prescriverle idonea terapia.
Cordiali saluti