Utente 163XXX
Salve,ho 19 anni, sono uno studente a breve universitario e recentemente ho accusato problemi non indifferenti nella mia sfera sessuale. Premetto che è la prima volta che ho rapporti così "approfonditi" con una ragazza. Tutto ha avuto inizio poche settimane dopo aver intrapreso una relazione seria e cioè quando mi accorgevo che avevo perdite di liquido esaminale dopo un'ora passata a scambiarci semplici effusioni (baci o baci sul collo, niente di più) senza raggiungere l'orgasmo tant'è che all'inizio non mi accorgevo di queste perdite se non quando tornavo a casa. La situazione è peggiorata visto che dopo due mesi di relazione abbiamo approfondito ulteriormente il nostro rapporto e quello dell'eiaculazione anteportam è un problema che mi mette sempre più in imbarazzo, sia perché alle volte le macchie nei boxer sono fin troppo evidenti, sia perché anche quando non lo sono non riesco a mantenere l'erezione. L'unica piccola premessa che posso fare, in tal senso, è che facciamo preliminari molto lunghi (più di 30 minuti a volte). Per far fronte al problema ho provato inizialmente a ridurre la masturbazione e a seguire alcuni consigli su come migliorare il mio problema anche se l'unico miglioramento che ho constatato sta nel fatto che ora mi rendo conto di quando eiaculo. Un altro fattore che mi rende perplesso sta nel fatto che qualche giorno fa, poco dopo essermi fatto la doccia, ho iniziato a scambiare effusioni con la mia ragazza, per un periodo comunque non indifferente, tuttavia il problema si è presentato praticamente alla fine del rapporto quando è uscita solo una gocciolina di liquido esaminale. Attualmente sto considerando soprattutto la componente psicologica del problema e al tempo stesso sto seguendo degli esercizi che ho trovato on line, tuttavia ribadisco che i miglioramenti sono esigui e le brutte figure continuano a susseguirsi. Vorrei sapere se è il caso di seguire una terapia farmacologica o comunque se parlare direttamente con un andrologo o un psicosessuologo...
Ringrazio cordialmente in anticipo e spero che possiate darmi responsi positivi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Campo
28% attività
0% attualità
12% socialità
VERONA (VR)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
le cause dell'eiaculazione precoce possono essere individuate sia in disturbi di tipo organico (prostatite, vescicolite, ecc, ecc)sia in problematiche più complesse e multifattoriali, di tipo psicologico e sessuologico, che possono riguardare il singolo soggetto o la coppia nel suo insieme.
Consulti il suo andrologo di fiducia.

Cordiali saluti