Utente 383XXX
Salve,
Sono un ragazzo di 28 anni, il mese scorso ho accusato un leggero fastidio al testicolo sx e il medico curante mi ha consigliato un ecografia.
Dall'ecografia è stato diagnosticato un lieve varicocele e per sicurezza è stato fatto un esame del liquido seminale con questi risultati:

CARATTERI FISICI:
quantità 4,9
pH 7,8
Viscosità Normale
Fluidificazione completa

CONTEGGIO:
Concentrazione 232 milioni/Ml
concentrazione totale 1136,8 milioni/vol.tot

STUDIO DELLA MOBILITA' NEMASPERMICA:
dopo la prima ora
Mobili progressivi 43%
Mobili non progressivi 10%
Immobili 47%

dopo la seconda ora
Mobili progressivi 43%
Mobili non progressivi 10%

TEST ALL'EOSINA
nemaspermi vivi 68%

MORFOLOGIA
Forme Normali 27%
Forme anormali 73%
Forme immature Rare
Agglutinati Numerosi
Leucociti 1,3 milioni/Ml
Emazie assenti

SPERMAR TEST G positivo 15%
SWELLING TEST 60%

LIEVE POSITIVITA' MAR TEST (IgG)
NOTE DI FLOGOSI

Facendo una visita andrologica il dottore mi ha riscontrato un'infiammazione alla prostata consigliando una cura con levoxacin e Mictasone supposte sostenendo che le analisi possono essere migliorate e per quanto riguarda il varicocele per adesso non desta preoccupazioni in quanto e una cosa lieve.

Vorrei avere un vostro parere sull'esame del liquido seminale, in particolare sulla positività del mar test e se in queste condizioni ci sono possibilità di concepimento.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro signore, sicuramente è presente un pò di infiammazione che è probabilmente alla causa della delle alterazioni di forma. consiglio di curare bene la prostatite e ripetere lo spermiogramma
[#2] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2007
Dottore,
grazie per la risposta.
Per quanto riguarda la positività al MAR test e la lieve astenozoospermia sono dati preoccupanti per il concepimento?
Può influire una scarsa attività sessuale?

Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,si tranquillizzi circa il rapporto (che non c'é) tra la sintomatologia accusata e l'attività sessuale.La scrupolosità del Suo Medico curante nel consigliare un'ecografia (credo dopo averLa visitato)non deve fuorviarLa.Ripeta tra un anno lo spermiogramma e si rivolga nuovamente ad uno specialista solo se la sintomatologia di partenza (il leggero dolore testicolare) dovesse ripresentarsi in maniera significativa.
Cordiali saluti
Dr. Pierluigi Izzo
[#4] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
innanzi tutto non ci precisa che grado di reflusso presenta il Suo varicocele. In secondo luogo, pu risultando nella norma, i reperti dell'esame del Suo liquido seminale andrebbero rivalutati: resto perplesso per la bontà "eccessiva" di alcuni valori (polispermia). Lei ha una prostatite? Bene e...se posso chiedere ...diagnosticata come? Su quali rsicontri anamnestici? Su quali riscontri sintomatologici? Su quali segni clinici? Su quali esami strumentali ecotomografici? Su quali rilievi spermiocolturali? E su quale base è stata decisa la terapia antibiotica? Bah...
Io credo che Lei debba essere rivalutato seriamente da un punto di vista andrologico, o dallo stesso Collega o da un altro. Sia da un punto di vista seminale che velocimetrico Doppler.
Lei è naturalmente fertile...ma di questo non deve ringraziare i Medici.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#5] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2007
Ringrazio tutti i dottori per la loro cordialità.
Per quanto riguarda le domande del Prof. Martino posso dire che per il varicocele ho fatto solo un'ecografia e l'andrologo quando mi ha visitato mi ha detto che durante la palpazione non sentiva la presenza del varicocele e che si notava solo dall'ecografia e che quindi era da tenere solo sotto controllo.
Per quanto riguarda la prostatite i miei sintomi sono stati fastidio al testicolo sinistro, lieve bruciore sulla punta del glande e dolore nella zona perineale e il mio dottore dopo una visita rettale mi ha diagnosticato la prostatite.
Siccome faccio un lavoro molto sedentario e la mia attività sessuale non è regolare il dottore ha deciso di darmi la cura di cui sopra e di avere un'attività sessuale più regolare, affermando che i valori del mio esame molto probabilmente sarebbero migliorati.
Queste sono le cose che mi ha detto il mio Andrologo.
(voglio precisare che quando ho fatto l'esame del liquido seminale i gg di astinenza erano 15)
Siete dello stesso parere anche voi?

Grazie per la vostra disponibilità
e complimenti per il servizio.
[#6] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Signore,diffidi dei numeri,esami strumentali e batteriologici...e,se ci riesce,viva una sessualità che sia il più regolare possibile.Riferisca allo specialista la sintomatologia che Le sembra essere più significativa (se esiste) e parta per le vacanze!Al ritorno ci aggiorni.Si ricordi che oggi "una prostatite non si nega a nessuno"...
Cordiali saluti
Dr. Pierluigi Izzo
[#7] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
un esame del liquido seminale preceduto da un periodo di 15 giorni di astinenza eiaculatoria...non solo non è attendibile...ma diviene risibile...così come il fatto che il Collega si sia basato su tale dato per impostare una diagnsoi!
Concordo con il Collega IZZO sul fatto che spesso la diagnosi di "prostatite" è usata ed abusata in maniera del tutto impropria. Ma che Lei debba rivalutare la sua fertilità è fuori dubbio. Lo farei prima di partire per le agognate vacanze, consultando magari (anzi senza il magari) un altro Collega Andrologo.
Ci faccia sapere.
Affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#8] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2007
Gentili dottori,
farò sicuramente un altro esame del liquido seminale, solo che il medico mi ha suggerito di rifare l'esame dopo 3 mesi in quanto gli spermatozoi devono rigenerarsi dopo la cura.
Devo secondo voi ripetere comunque l'esame oppure aspettare?
Inoltre durante la cura con mictasone ho avvertito dei bruciori intorno la zona dell'ano e sul glande, questi fastidi possono essere riconducibili alla cura?

Grazie
Cordiali Saluti
[#9] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Signore,considerando la relativa persistenza di una seppur lieve sintomatologia,non legata al mictasone,Le consiglierei di ripetere lo spermiogramma con coltura prima di andare in vacanza.Ci faccia sapere.
Cordiali saluti
Dr. Pierluigi Izzo
[#10] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
un intervallo di un mese fra uno spermiogramma e l'altro è sufficiente.
Ci faccia sapere.
Affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#11] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2007
Gentili Dottori,
ultimamente sto avvertendo, alla fine del canale uretrale, una lieve irritazione (simile a delle pungolature) che si presenta più volte durante la giornata.
Ho consultato il mio urologo, ma dopo la visita ha detto che probabilmente questo fastidio è dovuto al tipo di detergente intimo che uso, consigliandomi di usare un detergente più delicato.
Purtroppo il fastidio si ripresenta ancora, gli ho chiesto di approfondire la situazione magari con un esame delle urine dicendo che non è il caso.
Secondo voi è il caso di fare questi esami?
Se si come indicare al mio medico curante gli esami da fare (es. urinocotura + antibiogramma + clamydia ecc..)?
Grazie
[#12] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
ma se il Suo Specilaista Urologo di fiducia non ritiene opportuo approfondire il livello di indagine diagnostica, Lei perchè vuole forzarne la mano? Direi che, se la fiducia è venuta meno, sarebbe semmai più corretto consultare un altro Specialista. Non Le pare?
Affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO