Utente 151XXX
Buon giorno,
ho 27 anni, e da qualche giorno ho notato un annullamento della forza nell'eiaculazione. Ero abituato ad avere dei getti di spiccata intensità, ma ora il primo è l'unico ad avere un po' di forza, mentre i restanti si limitano a colare fuori dal meato. Non so se questo si può definire un problema, la durata è normale, l'orgasmo c'è, e il volume dell'eiaculato è invariato.
Devo dire che la cosa mi preoccupa un po', e spero che mi possiate dare qualche valutazione/suggerimento. Non credo sia influente, la circoncisione avvenuta 20 giorni fa; l'edema è completamente riassorbito e i punti caduti.
Grazie per la vostra presenza.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Campo
28% attività
0% attualità
12% socialità
VERONA (VR)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
L’eiaculazione può essere disturbata da vari fattori.Eiaculazione senza spinta o sgocciolante si ha nelle malattie prostatiche.

Le consiglio di consultare un esperto andrologo.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 151XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio per la sua rapida risposta.
Cercherò a breve di consultare l'urologo che mi ha operato.
Strano che non abbia nessuno degli altri sintomi caratteristici della prostatite o altro.
Grazie ancora per la disponibilità.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Si ricordi che in alcuni casi di prostatite non ci sono sintomi palesi.

Poi, oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Campo che mi ha preceduto, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su eventuali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html .

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 151XXX

Iscritto dal 2010
Buon giorno,
mi scuso per il ritardo nella replica, ma volevo effettuare la visita prima.
Oggi ho effettuato la visita urologica, ed il vostro collega mi ha assicurato che il disturbo nell'eiaculazione che lamento, non è sintomo di patologie.
Il tutto è stato spiegato, senza alcun tipo di visita; immagino dovesse quanto meno verificare le condizioni della prostata, da quello che mi avete preventivato voi.
Insomma, sono in pieana confusione, l'unica cosa certa è che l'eiaculazione non avviene più come prima della circoncisione.

Grazie per il documento, l'ho letto con interesse.
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Campo
28% attività
0% attualità
12% socialità
VERONA (VR)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
spero che almeno l esporazione rettale sia stata eseguita.Da questa postazione, come ben comprende non posso dirle altro di quanto già consigliato o letto.

Cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 151XXX

Iscritto dal 2010
Gentile dottor Campo,
mi rendo benissimo conto della limitatezza di questo tipo di colloquio, ma già solo il fatto di poter esporre ad altri esperti del settore, problemi di questo tipo, è utilissimo.
Non ho subito nessun tipo di manipolazione atta a constatare lo stato della prostata.
Ho esposto il problema come una improvvisa mancanza di pressione nell'emissione dello sperma, che non fuorisce più come getto ma come una "colata", anche se senza variazione dell'intensità dell'orgasmo. Il tutto osservato nella ripresa dell'attività sessuale post circoncisione.
Il suo collega, ha visionato il tipo di circoncisione subita, lo stato del meato uretrale, ha tastato il perineo (ma non credo possa captare la prostata da quel punto) ed è partito con la spiegazione, dicendomi che è normale, che non mi devo preoccupare, che non è sintomo di una qualche patologia ecc ecc...
Ho sottolineato il fatto che prima dell'operazione non avevo mai osservato un'emissione di quel tipo, avendo sempre eiaculato a spruzzo (scusi il termina). In sostanza, mi ritrovo con pugno di mosche, e una nuova domanda: sono un malato immaginario??
Attualmente non so più a quale urologo/andrologo rivolgermi e mi viene solo voglia di lasciar perdere.
Intanto la ringrazio per la disponibilità.