Utente 133XXX
Salve, vi scrivo per mio padre che ha 58 anni e iperteso e di recente il cardiologo gli ha trovato l`aorta calcificata. Lui vive al estero (ROMANIA) e mi ha detto che il suo dottore l`ha rassicurato che non e una cosa grave ed e molto frequente nelle persone. MA io sono molto preoccupata e vorrei sapere di piu su la malatia.Vi prego tanto di dirmi quale sono i rischi ,l`evoluzione e la prevenzione di questa malatia o patologia.Vi ringrazio e aspetto con ansia la sua risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
La gravità della calcificazione aortica dipende dall'entità delle calcificazioni. A 58 anni modeste calcificazioni possono rientrare in un quadro di normalità. E' bene comenque controllare la pressione e iniziare un trattamento farmacologico se la pressione fosse alta.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 133XXX

Iscritto dal 2009
grazie per la sua risposta ma voglio specificare che lui la pressione ce l`ha alta e iperteso e non controlla regolarmente la pressione arteriosa e non prende pastiglie e la calcificazione non penso sia modesta.La mia preoccupazione deriva dal fatto che nella sua famiglia sia il padre che il fratello sono mancati per malatia cardiaca(infarto)intorno ai 65 anni.Lui ha anche un problema venoso(ulcere varicose)e un fumatore e ha uno stile di mangiare pocco sano(molti grassi animali e cibi fritti)conseguenza della cultura culinaria locale e conduce una vita sedentaria (anche se fa dei sforzi notevoli e un musicista suona il sassofono da piu di 35 anni).Vi ho esposto in breve la sua storia nella speranza di avere un quadro un po piu chiaro della situazione e con la speranza di avere qualche suggerimento da parte vostra.Vi ringrazio din nuovo per la sua gentileza e pronteza.