Utente 162XXX
Salve Dottore ho 31 anni ed ho problemi alla schiena:
L’esito della radiografia è:
Debole scoliosi a largo raggio sinistro convessa dorso lombare con rotazione dei corpi vertebrali sul piano orizzontale da L1 a L5.
Emisacralizzazione articolata sinistra della quinta lombare.
Il bacino è ruotato dall’asse sagittale.
Conservate le fisiologiche curve latero-laterale.
Distacco parcellare dello spigolo antero-superiore di L4 come da mancata ossificazione del nucleo di accrescimento.
Riduzione di ampiezza dello spazio intersomatico L5-S1.
Iniziale formazione di spina ossea in sede retrocalcaneare a sinistra.
Dalla Rm colonna Lombo-Sacrale (esame diretto):
Vi sono aspetti malformativi del tratto di passaggio lombo-sacrale,per presenza di vertebra con caratteri transizionali.
I dischi lombari presentano una riduzione del contenuto idrico,alcuni di essi con un moderato “bulding”circonferenziale,alcuni nodi intra-spongiosi di Schmorl.
Restando molto impiedi mi si attiva un dolore fitto alla gamba sx nella parte posteriore fino al piede,temo sia il nervo sciatico.
Questi esami hanno più di un anno visto il mal di schiena aumenta. credo che le cose stiano peggiorando.
L’ortopedico sanitario mi ha fatto fare i plantari per problemi di tallonite e durante il lavoro devo indossare una fascia elastica con stecche in legno Gibaud per evitare affaticamenti.
Vorrei sapere cosa posso fare per migliorare le cose, facendo l’operaio nelle mie condizioni una visita collegiale mi potrebbe dare delle limitazioni fisiche per un cambio di mansione per un lavoro meno pesante.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Lei può inoltrare la domanda per ottenere un passaggio a mansioni sedentarie, in quanto la patologia spondilodegenerativa è tale (a prescindere da eventuali provvedimenti chirurgici) da consigliare un atteggiamento di prevenzione di ulteriori aggravamenti.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 162XXX

Iscritto dal 2010
Salve Dottore, ieri ho ricevuto i risultati della risonanza fatta Sabato,le cose per me credo siano peggiorate.Il Referto della risonanza RM Lombo-Sacrale dice:
Esame Condotto con tecnica SE e TSE;immagini pesate in T1 e T2 secondo piani di scansione sagittale ed assiali.
Ridotto grado della fisiologica lordosi con tendenza alla rettilineizzazione,in clinostatismo.
Patologia degenerativa di grado leve delle unità disco –somatiche con sfumata ipointensità discale in T2 da disidratazione degenerativa:
A livello L5-S1,il disco intersomatico,di spessore lievemente ridotto,presenta accentuazione della convessità del margine posteriore;il sacco durale appare improntato.
A livello L 4-L5 è presente protusione ad ampio raggio del margine posteriore discale con impegno bi-foraminale; il sacco durale appare improntato.
L2-L3 ed L3-L 4: protusione ad ampio raggio del margine posteriore discale, con modico impegno bi-foraminale; il sacco durale appare improntato.
Canale vertebrale di dimensioni lievemente ridotte.
Cono midollare in fisiologica posizione e con normale intensità di segnale.
I raggi sono gli stessi della precedente Mail.

Vorrei sapere: Per evitare contestazioni con il medico aziendale,(le ricordo che sono un Operaio metalmeccanico)il mio ortopedico nel suo referto può gia indicare delle limitazioni lavorative,esempio: evitare il sollevamento di pesi …ecc. in modo tale da evitare una loro limitazione inadeguata o caso più grave non darmi nessuna limitazione.
Nel caso questo possa essere possibile e visto che lei è un medico del lavoro, può indicarmi quali limitazioni posso chiedere di far inserire all’ortopedico nel suo referto,perché credo che solo chi come lei si occupa di casi specifici sa quali sono.
La ringrazio infinitamente dell’aiuto che mi sta dando lei e Medicitalia perché fino ad ora non sapevo quali fossero i miei diritti.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Egr. signore,
io non sono medico del lavoro. Ho risposto alla Sua domanda dopo una settimana che nessuno dei medici del lavoro qui iscritti se ne era occupato.
Comunque l'ortopedico può certificare la Sua patologia e chiedere mansioni lavorative che non comportino sollevamento di pesi e/o spostamento manuale di carichi voluminosi.

Cordialmente