Utente 110XXX
Salve e grazie per le Vostre risposte sempre esaustive. L'anno scorso in primavera/estate, praticando dello sport in un campo d'erba ormai secco, ho iniziato ad avvertire un forte bruciore agli occhi, con conseguente lacrimazione, tosse dovuta all'insecchimento della gola e secrezioni nasali, a mio parere e di quello del mio medico generico, un attacco allergico, curato con Rupafin compresse da 10 mg, una la mattina ed una la sera. Il mio problema è che, ora non ricordo se esattamente dal giorno dell'ipotetico attacco o qualche tempo dopo, non avverto piu' i sapori e gli odori, o meglio avverto l'acido, il salato, il dolce e l'amaro, e solo saltuariamente, ma debolmente avverto i sapori completi; anche gli odori vengono avverti debolmente e saltuariamente. Gli altri sintomi che ho sono la secchezza del condotto nasale, la rara occlusione completa di una narice ed del muco "retro nasale" simil filaccioso e denso e di color verde vivo. Finora non ho avuto attacchi come quello precedentemente descritto anche se c'è da dire che mi sono astenuto dallo stare in quel tipo di campo. Il mio medico mi ha prescritto un test allergologico, io mi chiedevo se fosse possibile che questo problema fosse causato da, a detta sua, da un'allergia stagionale (polline d'olivo), anche se il problema è stato continuativo durante l'arco dell'anno. Grazie anticipatavente per la Vostra, sicuramente esaustiva, risposta. Cordiali Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buongiorno.
Se il problema è costante, è difficile pensare che possa dipendere da un'allergia stagionale.
Nel Suo caso specifico, a mio avviso sarebbe utile partire da una valutazione otorinolaringoiatrica e poi effettuare la visita allergologica e i test.
Saluti,