Utente 163XXX
salve esperti.sono un ragazzo di 24 anni..penso di soffrire di eiaculazione precoce, in quanto ad ogni masturbazione eiaculo dopo poco tempo,40,50 secondi anche un minuto.inoltre dopo l'eiaculazione avverto sempre nelle 24 ore successive uno spossamento fisico e un mal di testa..io sinceramente non ho ancora avuto rapporti proprio per questo motivo...il mio amico farmacista mi dice che è solo una problema psicologico e risolvibile con dei ritardanti; in ogni caso, mi ha consigliato di provare il rapporto anche senza contraccettivo e di farlo senza paura,senza ansia,in modo tranquillo...chiedo un consiglio a voi esperti perchè vorrei intraprendere un primo rapporto e vorrei un 'ulteriore rassicurazione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente , nell'universo della eiaculazione precoce non c'e spazio per la banalizzazione, per cui Le consiglio di interpellare un esperto andrologo che possa porre una precisa diagnosi . Cordialità .
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
come saggiamente suggerito dal Dr.Izzo, non è possibile minimizzare ed essere superficiali, l'eiaculazione precoce va diagnosticata e, successiavmente curata a due mani: quella dell'andrologo e quella del sessuologo clinico, ma non certo quella del farmacista.
L'eventuale prescrizione, va fatta dall'andrologo ed in associazione alla terapia psico-sessuologica per l'eiaculazione precoce. Mi sembra di capire che nel suo caso, ci sia un " cattivo apprendimento sessuale" del controllo eiaculatorio, visto che il disturbo si verifica con l'auto erotismo.
In terapia, questo apprendimento, verrebbe decondizionato, lavorerebbe sull'ansia e sulla capacità di procastinare nel tempo il punto di non ritorno eiaculatorio.
Auguri.



www.valeriarandone.it
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-rapporto-finisce-eiaculazione-precoce.html .

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 163XXX

Iscritto dal 2010
ringrazio gli esperti che mi hanno risposto...veramente interessante l'articolo del dottor beretta..

deduco quindi che prima di avere un rapporto,debba consultare un andrologo per una diagnosi accurata..

ho avuto sempre una curiosità: ho letto molti articoli sul problema del frenulo corto di cui penso soffra anch'io...vi chiedo: non ci sono relazioni di questo problema con l' eiaculazione precoce? ho letto che ci si può sottoporre ad un'operazione per risolvere il problema della lacerazione(del frenulo corto) che si può avere durante il rapporto con conseguente fuoriuscita di sangue.. anche in questo caso potrebbe aiutarmi l'andrologo o meglio rivolgersi ad un altro specialista?

altro quesito che volevo porvi(grazie per la pazienza): ho da tempo degli sfregamenti (come se fossero causati dalla chiusura rapida della zip)sulla parte iniziale del pene,e in questo punto la superficie si presenta di colore biancastra...come potrei risolvere?

ringrazio a priori di cuore tutti gli esperti per la cordialità trasmessa nell'aiuto dei miei problemi..mi rendo conto che sono molte le domande e i dubbi espressi...spero che voi possiate riuscire ad esaurirli.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

il taglio del frenulo presenta aspetti molto "delicati" che investono le strutture neurologiche della zona più sensibile a livello del genitale maschile.

Quindi è chiaro che un intervento, un "taglio" a livello del frenulo può a volte modificare effettivamente la sensibilità, il modo di sentire, durante, ad esempio, un rapporto sessuale di tipo penetrativo.

Per questo motivo l'indicazione all'intervento in questi casi va sempre studiata e decisa solo dopo una attenta valutazione clinica andrologica della sua situazione anatomica e dei problemi specifici che lei lamenta.

Ancora, se desidera poi avere informazioni più precise su questo tema specifico, le consiglio di consultare sempre sul nostro sito anche l'articolo all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=63934

Qui troverà parte delle indicazioni desiderate.

Sull'ultimo "problema posto invece la descrizione un pò confusa e la specificità estrema del quesito richiedono a maggior ragione una attenta e diretta valutazione clinica da parte di un andrologo.

Un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Utente 163XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio gentile dottor beretta..

è stato anche abbastanza esaustivo

ancora grazie.
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Comumnque ci aggiorni , se è il caso.