Utente 163XXX
Buongiorno,
sono una ragazza di 19anni e mi piacerebbe,data la mia inesperienza e la mia giovane erà,ricevere un parere,un consiglio esperto.
Io e il mio ragazzo siamo insieme da 3 anni e da 2 anni abbiamo rapporti sessuali.Questi,sin dall inizio,non sono mai andati molto bene.
Lui ha 22anni e io sono l'unica con cui lo abbia mai fatto.
Non ha problemi di erezione generalmente anche se è capitato alcune volte che perdesse l'erezione proprio dentro di me.
Nel complesso,però,il problema più difficile da affrontare è il fatto che in due anni noi non siamo mai riusciti ad avere rapporti completi.Ho escluso però la possibilità di un'eiaculazione impossibile,visto che in modi alternativi lui riesce a raggiungere l'orgasmo.
E' con il rapporto sessuale,anche se della durata incredibile di 2 ore,che non riesce a raggiungerlo..
Così piano piano non volendo affrontare il problema ha iniziato a evitare completamente i rapporti sessuali per la paura di deludermi.
Io vorrei tanto aiutarlo,ma,inesperta anch'io,non so davvero cosa fare..vorrei risolvere con lui il problema e provare a normalizzare questo rapporto che lascia soprattutto me insoddisfatta.
Grazie mille,spero di poter ricevere una risposta.
Giulia

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signorina,
al di la del problema, peraltro affronatbile in via telematica solo consiglio di andare dallo specialista, ci si trova per l' ennesima volta di fronte al giovane adulto che ha problemi e che non li affronta. Ora lei il suo ginecologo ben lo conosce, immagino, perchè il suo ragazzo non fa la stessa cosa con un andrologo?. Lo inviti ad andarci come lei va dal suo gineco, se non si conclude nulla.
[#2] dopo  
Utente 163XXX

Iscritto dal 2010
Purtroppo so che difficilmente lo accetterà,grazie mille per avermi risposto.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
appunto, pertanto quello che le posso solo dire di certo è di non sentirsi in colpa. La qual cosa traspare dalla sua lettera. Faccia la voce grossa: si abitui fin da subito.
[#4] dopo  
Utente 163XXX

Iscritto dal 2010
Forse non ho capito bene.L'unica cosa che posso fare è accettare la cosa?abituarmi?
[#5] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Cara Ragazza,
come suggerito dal Dr.Cavallini, dovrebbe suggerire al suo ragazzo di attenzionare bene il problema con un andrologo, al fine di avere una diagnosi esatta del problema.
Da quello che leggo, credo si tratti di "anorgasmia coitale", cioè l'incapacità di raggiungere l'orgasmo durante il rapporto coitale, riesce in altro modo, ma non in vagina.( via email, è difficile essere attendibili)
Una volta fatta diagnosi, vi suggerirei una consulenza psico-sessuologica, sia per la giovane età, che per la sintomatologia.
Auguri di cuore.



www.valeriarandone.it
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa disfunzione sessuale le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/228-rapporto-tarda-finire-impotenza-eiaculatoria-fare.html .

Un cordiale saluto.

[#7] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Abiturasi a che?. Guardi che è al portatore di problemi l' onere di9 sistemarsi. Alla faccia del femminismo. Cara ragazza: su la voce.