Utente 147XXX
Ho 72 anni e sono affetta da ipertensione arteriosa, da ipertiroidismo e poliposi "bord line" diffusa del colonretto, inoltre mi sono accorta in più occasione di avere una fragilità capillare perchè in più occasioni allorquando stringevo nella mano e con forza un oggetto sentivo un acuto dolore e dopo poco comparire nel dito o nel palmo della mano un gonfiore che si trasformava subito in una ecchimosi. Con la terapia antipertensiva mi era stata associata la cardioaspirina. Non molto tempo fa sono stata ricoverata d'urgenza a causa di una irrefrenabile rettoragia che fu imputata all'effetto della cardioaspirina sulla poliposi. Una volta che fu fermata l'emmorragia mi fu sospesa la cardioaspirina e il divieto di fare uso antinfiammatori. Mi chiedo se come prevenzione all'ictus e a possibili infarti viene data la cardioaspirina se questo farmaco non può essere più utilizzato con quale altro farmaco, (che non dia gli effetti collaterali dell'aspirina), può essere rimpiazzato al fine di prevenire l'infarto o l'ictus?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
un numero corposo di studi ha indicato che prendere la cardiaspirina a scopo profilattico non fa il bene del paziente perchè il rischio di emorragie anche gravi risulta superiore ai benefici. Diverso il discorso se fosse dimostrata una malattia coronarica.
A disposizione per ulteriori consulti