Utente 163XXX
Salve.
Esattamente 2 settimane una caduta dalla moto mi ha provocato, tra le altre, una profonda escoriazione sul collo del piede destro. Fin da subito, al pronto soccorso, mi hanno detto di andare da loro per fare delle medicazioni quotidianamente. Inizialmente mi hanno applicato acqua ossigenata + garza di fitosimoline. Poi sono passati all'applicazione di iruxol. Dopo 2 gg dall'incidente subisco un disturbo molto fastidioso al piede traumatizzato: da scarico non ho alcun fastidio, la pelle e le dita hanno una colorazione normale; non appena lo abbasso (senza caricarlo) il piede si gonfia, assume un colore rosso violaceo con una sensazione di bruciore/dolore, molto molto intensa. Dopo 4 gg Ho fatto delle radiografie che hanno riportato nessuna lesione ossea e un lieve edema perimalleolare. Alchè il mio medico curante mi ha detto di tenere l'arto scarico e immobile e che il dolore sarebbe passto in 3-4 gg. Il disturbo non passa ma si intensifica, quindi il medico, dopo 10 gg dal trauma, mi consiglia di fare un ecodoppler, che risulta negativo.
Il medico che mi ha fatto quest'esame mi ha consigliato di non effettuare le medicazioni tutti i giorni e di applicare una garza di URGOTUL previa la sola detersione con acqua ossigenata. Così ho fatto ma, ad oggi, NIENTE!
La ferita non è migliorata affatto, il disturbo rimane e nessuno sa darmi una spiegazione. Non mi resta che chiedere aiuto a voi, almeno sul fornte della cicatrizzazione di questa profonda ferita.
Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
8% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2005
Salve,
una ferita lacero contusa, proprio per il meccanismo secondo il quale si è creata, si presta ad avere zone in cui ci può essere necrosi o infezione.
Per questo è necessario che venga vista da uno specilista, anche perchè non guarisce. Consiglio un visita dermatologica, perchè evidentemente la terapia è insufficiente, anche da un punto di vista locale

Saluti

Mocci