Utente 163XXX
Gentile dottore,

sono un ragazzo di 24 anni e intendo chiedere anche un suo parere in merito ai disturbi di cui soffro da circa 2 mesi a questa parte.
A inizio maggio ho iniziato ad avvertire un moderato ma persistente mal di gola (localizzato a livello della laringe), il quale si presenta e regredisce (a intermittenza) ogni 4-5 giorni (talora sul lato destro, talora su quello sinistro della gola): a questo si associa una profonda astenia e forte sonnolenza (la quale ha avuto massima intensità per un periodo di circa 10 giorni a metà del mese scorso - impedendomi di svolgere le più semplici attività quotidiane).
In seguito a visita medica mi è stato rilevato soltanto un lieve arrossamento della muscosa da curare con OKI (per l'astenia, Multicentrum).
Dopo un apparente miglioramento è tuttavia subentrata un'acuta rinorrea (con occasionale epistassi) e abbondanza di espettorato (non ancora del tutto scomparse).
Ad oggi (dopo circa due mesi) i miei sintomi sono: 1) moderato mal di gola (intermittente, ogni 4-5 giorni); 2) sensazione di intorpidimento dell'occhio destro (con minore fluidità di movimento e maggiore difficoltà ad aprirlo dopo il risveglio - seppure il suo aspetto risulta del tutto normale - salvo leggero aumento della lubrificazione); 3) facile affaticamento e dolenzia agli arti di destra (braccio e gamba) con rigidità delle articolazione (specie mano dx); 4) frequente cefalea, con sensazione di intasamento sul lato destro del volto (in prossimità dell'orecchio dx); 5) persistente astenia con facile affaticabilità e precoce sonnolenza; 6) occasionale rinorrea.
Per quanto concerne gli accertamenti diagnostici esguiti, ad oggi mi sono sottoposto a due esami del sangue (nella norma i valori di emocromo con formula e piastrine, funzione tiroidea - TSH, T3 e T4, cpk, cheratinina, sideremia, glicemia, bilirubina, colesteroo, ecc.), visita neurologica, RX torace e RMN encefalo + rachide in toto (tutti nella norma).
In attesa di sottopomi ad ulteriori accertamenti (nelle prossime settimane),vorrei chiederle in particolare: 1) se è possibile correlare questi disturbi con un problema di origine virale od allergica (nonostante i valori di emocromo siano risultati nella norma in entrambi i prelievi); 2) se può trattarsi di una "riattivazione" di mononucleosi infettiva, già contratta durante la preadolescenza (ed eventualmente se esiste un test con cui si possa comprovare la presenza ATTUALE o RECENTE del virus - e non quella pregressa); 3) sulla base della sintomatologia illustrata e degli esami svolti (con tutti i limiti di un parere che prescide da una visita diretta), quale può essere un orientamento comune (se esiste) in presenza di tal genere di disturbi.

Grazie mille, cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buonasera.
Verosimilmente, disturbi che riferisce non sono da ricondurre tutti ad una causa comune e, onestamente, non trovo vantaggioso né corretto (principalmente nei Suoi confronti) voler necessariamente trovare un "colpevole".
Per alcuni dei sintomi potrebbe essere effettivamente ipotizzata una causa virale ma, come già dicevo, piuttosto che accanirsi alla ricerca di un virus (e considerata la negatività degli accertamenti neurologici) forse l'unico modo per otenere informazioni utili è proseguire il follow-up otorinolaringoiatrico.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 163XXX

Iscritto dal 2010
Ringrazio il Dottor Marchi per la cortese risposta.

Cordiali saluti.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Prego.
Saluti,