Utente 153XXX
Yovis informazioni su S. Faecium o meglio E. faecium

--------------------------------------------------------------------------------

Spett.li medici di che collaborano ad medicina italia, c'è qualcuno che mi possa dare qualche delucidazione riguardo un batterio "probiotico" utilizzato nel famigerato Yovis. In molti articoli è riportato che tale l'Enteroccoccus o Streptoccoccus Faecium, pur essendo un normale abitatore della flora batterica umana può essere occasionalmente un micro organismo patogeno. In altri articoli è riportato che tale batterio può potenzialmente trasferire le proprie caratteristiche di resistenza agli antibiotici ad altri batteri patogeni. Dove sta la verità?Chi ci tutela? In ulteriori articoli esso è utilizzato soprattutto in ambito veterinario. Possibilmente inviatemi articoli attendibili che smentiscano questi articoli. Vi ringrazio anticipatamente per un vs interessamento.
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
gentile utente
per esperienza clinica personale e dai dati della letteratura,può stare tranquillo che si tratta di un ottimo probiotico
[#2] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
[#3] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
La ringrazio per l'articolo inviatomi, a tal proposito deve tenere presente,per quanto riguarda la sua richiesta, che:
1) si tratta di unio studio di laboratorio che è ben diverso dall'applicazione clinica,pensi a quante molecole sintetizzte in laboratorio si presentano come grandi speranze e poi quando "scendono in campo" si presentano come dei grandi flop oppure il contrario (molecole che sembrano inutili e che clinicammente riscontrano una certa importanza
2)Yovis non è un solo bacillo ma è una miscela di ceppi batterici mirati ad instaurare un rapporto simbiotico e saprofitico con l’organismo umano.
3)il fatto che L'AIFA (l'ente regolatorio per i farmaci) abbia concesso l'autorizzazione significa che i dossier clinici di registrazione dimostrano una certa efficacia e soprattutto l'assenza di tossicità