Utente 384XXX
Gentili dottori, 2 giorni fa mi sono operato di circoncisione totale(nel senso che il glande e' interamente scoperto) e frenuloplastica.Siccome non conosco le conseguenze dell operazione sono un po' preoccupato.Prima per l ipersensibilita' del glande che non riesco a toccare nemmeno con un panno e vorrei sapere se c e' qualche crema per attenuare il fastidio.La seconda preoccupazione e' un gonfiore abbastanza grande che si e' creato sotto il glande(ovvero tra la ferita dove ci sono i punti e l inizio del glande).Vorrei sapere se e' tutto normale e per quanto tali problemi continueranno a manifestarsi.Nel frattempo il Dottore che mi ha operato mi ha dett di medicarmi con crema-gentalyn sui punti, lavaggi 2-3 volte giorno e devo coprire tutto il pene con garze che cambio 4-5 volte il giorno..Vi ringrazio dell attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro utente,segua i consigli del Chirurgo,faccia capo a Lui per ogni eventuale problema connesso all'intervento ed,eventualmente,ne riparliamo tra 1 mese.E' troppo presto per valutare seriamente il problema.
Cordiali saluti
Dr. Pierluigi Izzo
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
le indicazioni del Collega che L'ha operata sono del tutto condivisibili. Come mai non bastano a rassicurarLa? Certamente esistono terapie farmacologiche da assumere oralmente che possono contribuire a ridurre quel "gonfiore" (edema) che lei nota, gonfiore che tuttavia è del tutto nella norma in questo periodo del decorso post-operatorio. Spero che il Collega Le abbia programmato controlli clinici nei prossimi giorni e nelle prossime settimane.
Auguri affettuosi per una pronta guarigione
Cordialissimi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#3] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2007
Vi ringrazio vivamente per le risposte.Mi avete rassicurato.Il fatto e' che e' la prima volta che mi sono operato e ho da sempre un po di timore.Martedi ho una visita di controllo per vedere se va tutto bene e chiedero' di persona al dottore tutte i miei dubbi.Ma sono piu' tranquillo perche mi sembra che la situazione stia migliorando:anche se la sensibilita' del glande e' ancora alta e l'edema e' ancora presente, ma sta migliorando(tra l altro non perdo nemmeno piu' una goccia di sangue).Grazie ancora.Gentili,esaurienti e disponibili...Continuate cosi'..Se avro' qualche dubbio dopo la visita mi faro' sentire.A presto.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
a questo punto attendiamo la valutazione del collega che l'ha operata. Ci tenga informati.

Giovanni Beretta
[#5] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2007
Gentili Dottori.Sono appena tornato dalla visita di controllo per il mio intervento.Il dottore(che non era quello che mi ha operato) mi ha detto che e' tutto a posto.Ma non credevo che sentissi cosi dolore;siccome era parecchia gonfia la parte sopra la ferita,il dottore per sgonfiarla mi ha "tirato su" la pelle fino a ricoprirmi quasi tutto il pene...Un dolore allucinante,un po' per la sensibilita',un po' per il gonfiore,un po' per i punti..Fatto sta che ora e' coperto per sgonfiare la parte e mi ha detto di fare questo lavoro di "coperto-scoperto" ogni volta che mi lavo,per sgonfiarlo.La mia domanda e':Ha ragione? Perche' il dolore e' insopportabile quando lo ricopro(anche se io faro' con molta piu cautela e lentezza)..Per il resto tutto a posto mi ha detto di continuare con le solite cure..Grazie per l attenzione..
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
purtroppo poco possiamo dirle da "questa posizione", seduti ad un computer. Quello che si può però capire è che non è stata fatta una circoncisione "classica" ma molto probabilmente una plastica del prepuzio o una postectomia , cioè una rimozione parziale del prepuzio. Comumque a questo punto segua attentamente le indicazioni dei colleghi che l'hanno operata e ci tenga aggiornati.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#7] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
l'intervento di circoncisione, procedura come sempre ripeto delicata e non banale, consiste nell'asportare l'anello di prepuzio ristretto che strozza il glande in erezione, se non serrata, oppure anche a riposo dell'organo, se serrata.
Il termine tecnico di "circoncisione" coincide con quello di "postectomia".
Non esistono diversi tipi di circoncisione...che so io, parziale, totale, semicirconcisione. La circoncione è una. Esistono diverse tecniche chirurgiche per eseguirla.
Io personalmente preferisco eseguire una circoncisione che comporti la possibilità di ricoprire il glande a riposo e di scoprirlo con estrema facilità in erezione. Credo che questo aiuti a preservare la delicata sensibilità della zona. Altri Chirurghi eseguono una perfetta circoncisione che lascia sempre scoperto il glande anche a riposo. Dipende dalle abitudini e convinzioni sia del Chirurgo che del paziente. Quest'ultimo, entro determinati limiti, può senz'altro scegliere fra le due possibilità.
La plastica "a zeta", ha indicazioni diverse dalla semplice fimosi. Io la utilizzo quando non voglio, o non posso, eseguire proprio una circoncisione, vista magari la presenza anche di anomalie congenite di conformazione del pene, per l'esistenza di fimosi con patologie associate (ipospadia ad esempio), quando l'anello prepuziale è congenitamente minimo o assente in alcune parti, quando la fimosi è susseguente ad un trauma, quando la fimosi è susseguente ad ustioni etc. Oppure, come sempre più spesso mi accade di vedere, la fimosi è recidiva, cioè un esito di un pregresso intervento di circoncisione tecnicamente non perfettamente eseguito.
Per altri particolari tecnici, può rileggersi le numerose risposte sull'argomento che troverà nella biblioteca del forum. I punti di sutura dei margini cutaneo mucosi sono sottilissimi e verranno riassorbiti. Nessuna convalescenza. Nessun impedimento all'attività sportiva e lavorativa. Nessun dolore intra e post-operatorio. Vietati però i rapporti sessuali penetrativi sino alla caduta dei punti, quindi in genere per due settimane.
No comment sull'uso di creme, unguenti, balsami, linimenti, riti propriziatori e scaramantici, si aprima che dopo l'intervento.
E' inutile aggiungere che tutte le rassicurazioni del caso, e le risposte a legittime domande, Lei dovrebbe averLe dal Collega che L'ha operata e da nessun altro. E' un Suo diritto quello di essere medicato e seguito dall'Operatore, nei tempi e nei modi che il Chirurgo riterrà opportuni.
Affettuosi auguri di pronta risoluzione del Suo problema e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
se vogliamo essere veramente precisi da un punto di vista semantico ed etimologico (cioè riguardo alle origini delle parole) e quindi anche precisi da un punto di vista medico , circoncisione deriva dal latino (circum = attorno + caedere = tagliare, cioè tagliare tutt'attorno) ed è un atto medico che affonda le sue radici nella storia dell'umanità ed alcune religioni la indicano ancora come atto fondamentale per aderirvi (vedi cultura ebraica e mussulmana). Quindi circoncisione vuol dire e consiste nella asportazione totale del prepuzio; se si fa una postectomia ,cioè un taglio parziale del prepuzio (questo è il significato etimologico del termine ), questa è una asportazione parziale della pelle del prepuzio. Che poi i due termini sono spesso usati come sinonimi questo non cambia il diverso significato delle due parole.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#9] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
solo per fare il punto della situazione: la maggior parte degli Autori che si interessano di questo campo della Chirurgia Uro-Andrologica, sono ormai concordi, ma da alcuni anni e non da ieri, nel ritenere che non esistono diversi tipi di circoncisione...che so io, parziale, totale, semicirconcisione, un pò di circonsisione e così via. La circoncione è una e si identifica comunque con il termine di postectomia. Esistono tuttavia diverse tecniche chirurgiche per eseguirla, tese ad un minimo risparmio di prepuzio, quando e se tecnicamente ed anatomicamente possibile, oppure quando a richiederlo è lo stesso paziente o chi per lui.
E' errato confondere la postectomia con le tecniche di asportazione "parziale" del prepuzio: queste andrebbero e sono meglio classificate come "tecniche di plastica del prepuzio" (secondo le tecniche di Duhamel, Oberon, McSurrey), e a ciò si è ricorso proprio per evitare confusioni.
Quindi ricapitolando:
1) L'asportazione del prepuzio si effettua tramite circoncisione o postectomia.
2) L'asportazione parziale del prepuzio non rappresenta nè una circoncisione e nè una postectomia, ma consiste in una tecnica qualsiasi di plastica del prepuzio.
Ancora cari affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#10] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
ricapitolando : postectomia è spesso usata come sinonimo di circoncisione ma non è una circoncisione. La postectomia , come dice l'origine stessa del termine è un taglio del prepuzio; quando questo è "circolare , cioè tutto attorno al prepuzio , e solo in questo caso, si parla di circoncisione. Studiare le lingue classiche (latino e greco) è sempre utile ,soprattutto per chi si iscrive a medicina.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
[#11] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
appunto... :o)... esattamente quello che ho scritto nella mia ultima mail:o)
La postectomia è il taglio del prepuzio NELLA SUA INTEREZZA. Ed il taglio del prepuzio NELLA SUA INTEREZZA significa circoncisone. Tutto il resto dei tagli prepuziali... è "plastica prepuziale".
Nei Congressi Scientifici, dove occorre però recarsi per l'inevitabile aggiornamento Medico e Chirugico, la lingua maggiormente utilizzata è l'Inglese. Purtroppo, ed ecco il problema vero, alcuni ancora parlano e capiscono solo il Latino o il Greco :o)
A Lei affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
no comment ! In inglese!.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
[#13] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
finalmente :o)
[#14] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2007
Ringrazio Voi dottori per la esauriente spiegazione.Comunque mi ero sbagliato, a me e' stata applicata una postectomia con frenuloplastica.Sono passati 10giorni dall intervento e sto bene.Sto aspettando impazientemente che i punti cadano(se ne e' andato solo uno) ma non credo che ci vorra' molto,il gonfiore sta piano piano sparendo e la sensibilita' da' sempre meno noia.E' un operazione fastidiosa ma ne vale la paena assolutamente,c e' solo da stringere i denti i primi giorni.Una domanda..una volta caduti i punti potro' riprendere tranquillamente l attivita' sessuale o devo aspettare ancora un po'?? Grazie a tutti e se avro' altri dubbi vi faro' sapere.
[#15] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
qualsiasi dubbio Lei avesse...non deve fare altro che scriverci.
Sesso dopo postectomia? Si naturalmente ...ed il prima possibile :o) Direi che una settimana dopo il riassorbimento dei punti di sutura, SE tutti i processi di cicatrizzazione sono nella norma, può essere un tempo precauzionale utile.
Affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#16] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
dopo 15-20 giorni dall'intervento è possibile iniziare senza particolari problemi , dopo una postectomia , una regolare attività sessuale di tipo penetrativo.
Ancora auguri ed un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#17] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2007
Gentili Dottori.Dopo 20 giorni che mi sono operato ho avuto la prima eiaculazione.Devo dire che e' tutto a posto,i punti sono spariti quasi tutti e nn ho piu' dolori.Solo un po' di gonfiore che il Dottore che mi ha operato ritiene nella norma dicendo che entro un mese dovrebbe sparire.L ultimo dubbio che mi e' rimasto e' un cambiamento che ho notato quando il pene e' in erezione: l orifizio uretrale(scusate l ignoranza credo che si chiami cosi' il punto dove esce l urina) si allarga notevolmente e rimane cosi' fino a che non passa l erezione.Non mi da' alcun dolore pero' non ricordavo che fosse cosi' prima dell operazione.Nell urinare e nell eiaculazione non ho alcun problema ne' fastidi.Volevo sapere se e' normale che sia cosi' o se devo fare qualche visita. Grazie mille dell attenzione
[#18] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
probabilmente non ha fatto mai caso ma non c'è nulla di patologico