Utente 158XXX
Salve,
..ho un tatuaggio abbastanza grande su una spalla e vorrei rimuoverlo.
il tatuaggio è colorato,ho provato utilizzando la laserterapia ma con scarsi risultati (è sbiadito ma sembra non andare via)....
leggendo vari articoli su internet mi sono inbattuto nel laser Erbium....documentandomi ho riscontrato opinioni contrastanti.
da quello che ho capito basta anche una sola applicazione,ma spesso si assiste a esiti cicatriziali.
vorrei sapere se questi esiti cicatriziali sono trascurabili a livello estetico o se sono talmente evidenti da scartare questa pratica,purtroppo non ho trovato foto che documentavano l'esito di tale appliazione.
So' che la cancellazione totale è molto difficile,e avendo già provato altri tipi di laser,non vorrei che la voglia di cancelarlo mi faccia fare uno sbaglio e ritrovarmi poi con il braccio "deturpato" da evidenti cicatrici.
Grazie in anticipo per la disponibilità.
Saluti.
[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile utente,
la rimozione dei tatuaggi è possibile utilizzando laser con tecnologia "q-switched": la lunghezza d'onda varia a seconda del colore. I tatuaggi neri (o comunque scuri) e rossi sono quelli che rispondono meglio con lunghezze d'onda rispettivamente di 1064 e 532 nm. I colori verdi, gialli, viola rispondono meno bene, occorre più tempo ed una lunghezza d'onda differente (650 nm per i verdi, 585 nm per i gialli).
Prima di utilizzare un altro laser si accerti di aver eseguito la seduta di trattamento con le lunghezze d'onda idonee.
Non le consiglio l'utilizzo di laser non "q-switched" per i tatuaggi in quanto facilmente potrà sviluppare cicatrici deturpanti.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille....
e che non so come essere sicuro che i laser siano idonei,
anche nei precedenti trattamenti (fatti in centri di tutto rispetto), mi era stato assicurato che fossero laser q-switched....magari effettuerò una ricerca sul sito...