Utente 164XXX
buongiorno, cercherò di essere il + conciso possibile. Dal 2002 soffro di sindrome del colon irritabile; inizialmente da me non accettata questa mi ha provocato un gonfiore costante e stipsi quasi cronica (mai dolore o scariche diarroiche). In quel periodo ero un convinto frequentatore di palestre per body building e avevo la tendenza a mangiare tantissimo facendo 2/3 pasti completi al giorno. Ero spesso nervoso soprattutto per il mio aspetto fisico che era passato dalla quasi perfezione all'orrido estremo (sembravo una persona in gravidanza). Ho fatto tutti gli esami possibili compresa la colonscopia che non ha rilevato nulla di strano. Le cose sono migliorate sia per il fatto che sono andato a vivere da solo sia con la consapevolezza che una dieta adeguata e leggera soprattutto la sera avrebbe oggettivamente portato benessere; il gonfiore è quasi totalmente sparito eliminado i latticini. Ma vengo al punto: da 1 anno ca ho problemi alla vista (sono ipermetrope) nel senso che ho una sensazione di fastidio ai muscoli/nervi facciali che ultimamente mi ha preso anche la punta del naso. Ovviamente la prima cosa che ho fatto è stata quella di andare da 2 oculisti che non hanno rilevato (soprattutto il primo) nulla di anomalo (il secondo mi ha fatto rafforzare le lenti da 1.50 a 2 ma non è cambiato molto). Lavoro come impiegato e uso molto il PC con la "cattiva" abitudine di continuare anche una volta a casa. Non ho un sonno ristoratore e soffro molto gli spiragli di luce. Il punto + basso lo raggiunsi l'anno scorso quando, dopo anni, reintrodussi il latte per colazione; avevo una sensazione di spossatezza mai avuta e non riuscivo quasi a tenere gli occhi aperti con senso di quasi svenimento. Il medico di famiglia (con cui non ho mai legato) parla di sindrome da somatizzazione e mi ha mandato dallo psicologo...2 colloqui sostenuti e, a parte l'ovvio stress del pendolare, nulla di preoccupante. Ho pensato che potesse essere una questione di digestione anomala (la primissima gastroscopia rilevò Helicobacter pilori e gastrite cronica poi eradicato con cura antibiotica) oppure, ed è il motivo che mi ha portato a scrivervi, una postura scorretta. Cercherò di descrivervi anche se pare bizzarro: se sto ritto con la schiena ben appoggiata ad un certo punto la vista mi va insieme e non riesco a sostenerla a lungo. Paradossalmente, se tengo il palmo della mano ben schiacciato sul capo, o se appoggio il collo tenendo le mani incrociate (a mo' di schienale tipo macchina) ho subito sollievo. Lo stesso se tengo premuto la parte di viso sotto gli occhi con le dita oppure se mi incurvo in avanti verso lo schermo e sorreggo la testa tenendo il mento. Cammino tantissimo (5 km al giorno) e cerco di tenermi in forma. Mie domande: ho sentito parlare di sindrome da affaticamento cronico, internet affection disorder etc etc...potrebbe essere il mio caso? dovrei andare da un osteopata? comprare scarpe speciali tipo MBT (tonificano muscoli con successo provato).grazie mille!
[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è impossibile darle delle indicazioni senza visitarla...
da quanto riferisce per il suo benessere generale consiglierei di eliminare totalmente il latte e tutti i suoi derivati.
Per decidere se e quanto dei suoi disturbi dipenda dalla colonna cervicale o dalla postura deve farsi visitare da un fisiatra.
Chiarita la diagnosi potrà percorrere un iter terapeutico ufficiale oppure chiedere aiuto alle discipline di medicina non convenzionale.

Cordialmente.