Utente 164XXX
Salve, ho paura di soffrire della malattia in titolo.
L'altro giorno, per la prima volta, stavo per avere un rapporto con la mia ragazza, ma al momento della penetrazione, ho eiaculato.
Premetto che ho 18 anni, usavo il preservativo, e prima per un'oretta, un'oretta e mezzo siamo stati in un'atmosfera di intimità (se può essere d'aiuto, in quasi costante erezione).
Tuttavia, nonostante sapessi che poteva succedere quest'eiaculazione precoce, è stata fin troppo precoce, impedendomi di continuare (anche se possiamo dire iniziare) il rapporto.
E' stato un avvenimento che mi ha colpito molto, a tratti mi spinge a non provarci più.
C'è qualche metodo che, a breve tempo, può aiutarmi per affrontare almeno le prime volte? Avevo letto della pomata EMLA...
In ogni caso, quali sono le cure che dovrei affrontare?
Vi ringrazio..!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,nessuno "nasce imparato",per cui e' plausibile che,senza avere maturato esperienze significative,possa patire questo disagio sessuale.Per prudenza,continui ad indossare il profilattico e,se la sintomatologia si procrastina,consulti il Suo medico che sapra' dove indirizzarLa.Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
oltre alle preziose informazioni ricevute dal collega Dr.Izzo, mi sento di rassicurarla sull'accaduto, un episodio non equivale alla diagnosi di eiaculazione precoce.
Se il disturbo si dovesse ripresentare, consulti in prima battuta una andrologo ed in secondo momento un sessuologo clinico, con cui completare la diagnosi psico-sessuologica.
L'eiaculazione precoce, si manifesta ina ssociazione all'ambiente vaginale, percepito come fortemente ansiogeno.
Dopo aver ricevuto una diagnosi, si può pensare ad una terapia risolutiva per l'e.p., ma non è certo la pomata, che eventualmente è esclusivamente sintomatica.
Auguri.




www.valeriarandone.it
[#3] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Gentili medici,
vi ringrazio per i consigli.
Purtroppo il mio timore per l'eiaculazione precoce è dovuto anche al fatto che anche la masturbazione ha una durata piuttosto ridotta.
Inoltre, sempre in situazioni di intimità, ogni tanto capita che fuoriesca qualche goccia di liquido (pre-seminale?) e questo mi è sempre sembrato sintomo di eiaculazione precoce..
Vi ringrazio nuovamente,
Distinti Saluti.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La sua ultima osservazione "clinica" non è corretta!

E' giunta l'ora di sentire un esperto andrologo!

Infine, oltre alle corrette indicazioni ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-rapporto-finisce-eiaculazione-precoce.html .

Un cordiale saluto.