Utente 121XXX
Gentili Dottori,
ho 27 anni e, da come potrete visionare, ho già scritto varie volte per una richiesta di consulto. Vi scrivo perché, ahimé, la mia "patologia" è ancora sconosciuta e, inoltre, peggiorata. ùNell'ordine vi indico le sintomatologie:
1) Diarrea alternata a stipsi;
2) Perdita di capelli, peli del petto e peli pubici;
3) Debolezza cronica, in primis a gambe e a braccia (se faccio 2 metri di corsa le gambe cedono);
4) Sensazione di mancanza di fiato;
5) Tremori a gambe, braccia e mani;
6) Difficoltà a dormire, insonnia, salti tipo "scossa" che mi percorrono quando sono steso;
7) Calo ponderale, tant'è che ora peso 50 kg e sono 1.83 di altezza;
8) Aritmie;

Ho eseguito varie analisi, tra cui colonscopia e rettoscopia (diagnosi: lieve flogosi aspecifica), gastroscopia (che ha escluso con il prelievo istologico dei villi intestinali che ha escluso, insieme a transglutaminasi e IgG e IgE, celiachia), vari esami ematologici (ferro, ferratina, ormoni tiroidei, ecc... nella norma, mentre azotemia e gammaglobuline del fegato sballate, innalzamento del colesterolo), RX toracico in doppia proiezione (perfettamente nella norma), 3 visite neurologiche (che ho trovato però veramente scarse, dato che oltre a farmi toccare il naso con gli occhi chiusi o camminare sui talloni, non è stato fatto altro). Ho eseguito anche elettrocardiogramma, con piccolo rtiscontro di un piccolo soffio al cuore, ma che non ha conseguenze. Non nego che sono disperato. Ero pieno di energia, fisicamente un toro. Anche la visita psichiatrica presso il Centro di Salute Mentale non ha evidenziato depressione né ipocondria, ma un reale difetto fisiologico. Il consiglio che mi è stato dato è di affidarmi ad "un buon internista". Cosa devo fare? Navigando in internet (lo facciamo tutti oramai) mettendo i miei sintomi spuntano un pò di varie malattie, dalla Sclerosi multipla, al morbo di Addinson, ecc... Cosa devo fare? Il mio medico di base mi snobba e non lo reputo all'altezza della situazione, perché mi schernisce. Mi vergogno di scrivere queste cose, ma sono davvero disperato, perché la mia vita sociale e lavorativa ne sta risentendo in maniera considerevole. Cosa mi consigliate? Vi prego, aiutatemi.


[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
capisco la usa preoccupazione acuita dal fatto di sentirsi un pò abbandonato e in parte non capito.
A mio avviso, occorrerebbe un accurato esame clinico ed analisi sia emato-chimiche che strumentali più approfondite.
Purtroppo vi sono dei limiti a questo tipo di consulto ed è quello di non poter eseguire un esame clinico ed anamnestico da vicino. Comunque dovremmo avere più dati a disposizione per poter dare dei consigli. Quali esami ha svolto fino ad ora? Mi riferisco agli esami del sangue.
Si è sospettata una patologia infettiva , autoimmune o neurologica? Utile sarebbe, un ricovero ospedaliero in un reparto di medicina interna, solo così si potrà inquadrare il problema. Difficile è infatti sottoporsi ad esami "frazionati" , magari non completi e poi mettere insieme i vari tasselli.Tutto potrebbe essere dovuto ad una sola patologia.
Rimango a sua disposizione ed attendo sue notizie.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Dr. Antonio Costantini
24% attività
8% attualità
12% socialità
VITERBO (VT)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2010
caro utente la sua sintomatologia,in prima ipotesi mi fa pensare a un ipertiroidismo,in particolare il calo ponderale.per evidenziarlo basta poco:deve controllare
ft3,ft4,tsh .poi si potrà eventualmente programmare una terapia. un saluto.
[#3] dopo  
Utente 121XXX

Iscritto dal 2009
Le ulteriori visite eseguite, tra cui un ricovero, non evidenziano granché. Tiroide nella norma. Elettroencefalogramma e RM all'encefalo nella norma. Unica cosa molto strana e incomprensibile per il medico che mi sta seguendo, è una carenza notevole di vitamina D3 e IgE alte, come se fossi allergico a qualcosa che però dai test non sembra essere stato ancora ben identificato. Inoltre sebbene infatti faccia iniezioni costanti una volta al mese di DiBase 300.000, l'innalzamento di questa vitamina è scarsa. Il medico stesso non sa bene cosa consigliarmi e si riserva di darmi informazioni più dettagliate nel momento stesso in cui avrà una patologia a cui ricondurre questo deficit. A detta sua la carenza di vitamina D3 potrebbe essere la causa della mia patologia, dalla diarrea al calo ponderale, ai crampi alle braccia e alle gambe. Voi cosa ne pensate? Esistono patologie legate alla carenza di vitamina D?
Cordialmente, colgo l'occasione per porVi
Distinti Saluti.
[#4] dopo  
Dr. Oreste Pascucci
28% attività
0% attualità
16% socialità
LAURIA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile utente, come le dicevo sopra ( bastava leggere che tra gli esami vi erano anche quelli tiroidei), occorrono ulteriori indagini. Bisognerebbe andare più a fondo e magari eseguire esami emato-chimici: tipizzazione delle sottopopolazioni linfocitarie, ANA , ENA , prove allergoliche... La vit D è un cofattore importante nel nostro organismo ( oltre a regolare l'assorbimento di calcio è importante anche per il s .immunitario) : carente apporto, ridotto assorbimento...? La calcemia, la fosforemia, il PTH e la calcitonina sono nella norma?
Rimango a sua disposizione.