Utente 164XXX
Gentili medici,

sono un ragazzo di 25 anni e lo scorso fine Aprile ho subito un intervento, facendomi eliminare una fistola sacro-coccigea che peggiorava sempre di più. I primi sintomi pre-operazione erano tracce di sangue sulla carta igienica, alle volte mi spaventavo trovando la carta igienica piena di sangue, finché mi rivolsi a un medico specializzato. L'operazione è andata a buon fine, almeno così mi hanno detto: mi hanno asportato una fistola abbastanza grossa, quasi quanto una pallina da golf, e questo chiaramente giustifica la scelta del medico chirurgo di non applicare i punti ma lasciare che la ferita si chiuda da sola. Così oggi, poco più di due mesi dopo l'operazione, sono ancora in convalescenza nell'attesa della totale chiusura della ferita, rinunciando - ahimé - a sport e bagni al mare.
Mi è capitato, un paio di volte o poco più, e a distanza di giorni (ma sempre ultimamente), che andando in bagno ho visto gocciolare del sangue dalla ferita (medicata regolarmente), e peggio ancora durante la pulizia mi sono trovato la carta igienica piena di sangue, un po' come le prime volte o nell'apice pre-operazione. Mi chiedo: è normale? Sto sperando che possa trattarsi di prassi post operatoria, che possa succedersi visto che - immagino - si devono riformare nervi e capillari sanguigni.

Sono ignorante in materia, potreste illuminarmi? Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
in effetti puo' trattarsi di un decorso normale, se la ferita non è ancora chiusa. Bagni in mare peraltro, in linea di massima non sono controindicati. Ne parli col collega che la segue. Auguri
[#2] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
Speriamo bene allora! Grazie per la Sua disponibilità!