Utente 164XXX
salve, sono una libera professionista di 38 anni affetta da oltre 20 da cheratocono su entrambi gli occhi, a dx più accentuato in quanto anche con correzione( occhiali in quanto non tollero le le a contatto rigide) raggiungo il visus di 1/10, a sx di 8/10 senza correzione di 3/10.
solo recentemente in occasione del rinnovo della patente ho appreso che si tratta di malattia invalidante per la quale è riconosciuta una invalidità civile parziale intorno al 5%. Volevo sapere se nel mio caso ciò è vero e quale sarebbe la procedura per ottenerla. Il riconoscimento di detta invalidità rappresenterebbe titolo preferenziale nei pubblici concorsi? E l'invalidità civile sarebbe poi propedeutica per il riconoscimento anche di una pensione di invalidità parziale presso il mio istituto di previdenza(privato)laddove io dimostrassi una effettiva inabilità allo svolgimento normale del mio lavoro che richiede un notevole sforzo per la necessità continua di consultazione di testi e di pc? Ringrazio anticipatamente
[#1] dopo  
Dr. Francesco Genna
20% attività
0% attualità
0% socialità
MONZA (MB)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2006
Nel suo caso occorre distinguere l'invalidita' civile dalla invalidita pensionabile che fa riferimento all'inps o ad altre casse previdenziali.
L'invalidita' civile e' concessa a tutti i cittadini e nel caso dei difetti visivi viene stabilita in base al visis corretto in entrambi gli occhi secondo tabella. Per avere diritto alla iscrizione alle lista del collocamento obbligatori occorre una invalidita' superiore al 46 per cento.
L'invalidita' inps o relativa ad altre casse la possono ottenere coloro i quali hanno maturato i requisiti assicurativi e riguarda, salvo diverse indicazioni dello statuto delle cassa previdenziale, la riduzione delle capacita' lavorative in occupazioni confacenti alle attitudini dell'assicurato. La valutazione medico legale deve tener conto di diversi elementi sia riguardanti la patologia sia il lavoro che l'assicurato svolge o che potrebbe svolgere.
Cordiali saluti