Utente 164XXX
Salve,nel 1997 ho subito uno sguantamento del pollice sinistro(sono mancina)e nel reparto di chirurgia della mano di verona mi è stato fatto un'intascamento per recuperare l'osso della prima falange che era ancora intatto.in seguito mi avevano proposto il trapianto dell'alluce per migliorarlo esteticamente ma ho preferito lasciar stare.ora mi chiedo se ci sono delle nuove tecnologie per quanto riguarda la ricostruzione di parti di dita mancanti.se dovesse esserci la possibilità non mi dispiacerebbe fare qualcosa per il mio moncherino!grazie in anticipo per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sandro Reverberi
24% attività
8% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gent.ma sig.ra,
esistono numerose tecniche per ricostruire un pollice amputato. Quella alla quale Lei si riferisce è una delle tante. Ha il vantaggio di permettere la ricostruzione dell'unghia, ma ha il grosso svantaggio di richiedere il sacrificio, almeno parziale, dell'alluce.
Senza sacrificare altri segmenti corporei si può, se le condizioni locali lo permettono, allungare l'osso della falange residua (o in mancanza di quella del I metacarpo) ottenendo un risultato che non sarà mai quello di un pollice normale ma che esteticamente e funzionalmente è più che accettabile, conservando la sensibilità della cute originale.
Un esempio di allungamento di un moncone corto della falange basale del pollice in un esito di amputazione lo può trovare a :
http://ortopedia.over-blog.com/article-30678841.html
Una serie di allungamenti di falange invece li può vedere scorrendo le diapositive su
http://megaswf.com/view/107f19fc97acc03c3755907cd8501167.html
Spero di esserLe stato utile e di aver soddisfatto la sua curiosità.