Login | Registrati | Recupera password
0/0

Misure dell'embrione

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2010

    Misure dell'embrione

    Buongiorno,
    ho effettuato la prima ecografia il 1 luglio a 7 settimane e 6 giorni e l'embrione misurava solo 4.3 mm, con presenza del battito cardiaco.
    La mia ginecologa si è limitata a dire che è piccolo e che però non bisogna perdere le speranze perché c'è il battito.

    Io, però, ho controllato le misure medie dell'embrione su tabelle varie su internet e mi sembra che il mio sia veramente troppo fuori dalla media, perciò propendo per qualcosa che non va.
    La mia ginecologa mi ha detto che sono troppo negativa e non ha assolutamente ascoltato quando le ho detto che io sono abbastanza sicura del concepimento, visto che monitoravo tutto.
    Voglio dire: non posso essere di 5 settimane, è impossibile!

    I miei dati sono:
    u.m. 7 maggio (di solito ciclo regolare dai 27 ai 29 gg)
    test ovulazione positivo il 20 maggio
    Rapporti il 19, 20, 23 e 28 maggio (dopo di allora nessun rapporto)
    Test positivo il 4 giugno.

    Ora: anche ammettendo un'ovulazione ritardata, il mio embrione è comunque troppo piccolo.
    Secondo lei devo aspettarmi un aborto nelle prossime settimane?
    Premetto che farò un ulteriore controllo settimana prossima, dalla stessa ginecologa.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 550 Medico specialista in: Ginecologia e ostetricia

    Risponde dal
    2007
    Mia cara utente
    Lei mi sembra troppo catastrofica.
    La presenza del battito dovrebbe rincuorarla ed invece...
    Esistono le ridatazioni ecografiche, che si eseguono entro le prime 10 - 11 settimane.
    Se sarà necessario la Sua gravidanza si ridaterà.
    Non c'è solo l'ovulazione differita ma anche l'impianto differito (ovviamente di pochi giorni e non di settimane).
    Però...qualunque sia la causa, non è assolutamente detto, di fronte ad una crescita regolare in due o tre esami distanziati, che la gravianza sia mal destinata.
    Un pò più di fiducia!

    Auguri.


    Prof.Dr.Ivanoe Santoro
    Spec.Ostetrico/Ginecologo
    Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Doc. Anatomia Umana Univ. Napoli

  3. #3
    Utente donna
    Iscritto dal
    2010
    Buongiorno,
    la aggiorno sulla situazione. Ieri, all'ecografia di controllo (9 settimane gest.), l'embrione misurava ancora 4.3 mm e il battito cardiaco era assente.
    Quindi la diagnosi è stata di aborto interno e gravidanza ferma alla 5a settimana.

    Ora, in base a quest'altro consulto: http://www.medicitalia.it/consulti/Ematologia/150399/Ipovitaminosi
    vorrei ripetere il dosaggio delle vitamine, perché so che la carenza di queste provoca anche aborti.

    Lei mi consiglia anche di fare l'esame per la mutazione mthfr? O ci devono essere comunque dei sintomi che possono far sospettare questa mutazione? Io ho una circolazione rallentata, ma nessun altro problema. Ho però familiarità con patologie cardiache.

    Glielo chiedo perché, avendo già 38 anni, vorrei evitare di avere un altro aborto precoce se dipendesse da questo.
    Grazie



  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 550 Medico specialista in: Ginecologia e ostetricia

    Risponde dal
    2007
    Mi spiace per l'esito negativo della Sua gravidanza.
    sperando di farLe cosa gradita, le inivio il pannello di esami che sono solito richiedere in caso di abortività ripetuta.
    Ne discuta col Curante, al fine di applicarlo tutto interamente o solo in quello che si riterrò opportuno, secondo le Sue esigenze.


    - Anticorpi anti: Nucleo – DNA – Fosfolipidi totali - Cardiolipina (ACA IgM ed IgG) – Endotelio – Muscolo liscio - Antigene microsomiale tiroideo – Tireoglobulina – ENA – Beta 2 Glicoproteina IgM ed IgG – Endomisio – Gliadina - Transglutaminasi
    - Dosaggio frazioni C3 e C4 del complemento - Dosaggio Immunoglobuline sieriche totali e frazionate
    - Dosaggio glicemia, Insulinemia ed Hb Glicosilata a digiuno su prelievo singolo con calcolo HOMA – IR*
    * Test da carico orale di glucosio (75 gr.) e tre prelievi al tempo 0 – 30’ – 60 – 120’ con Insulinemia ad ogni prelievo per la valutazione dell’insulino-resistenza nelle pazienti con PCO o con HOMA – IR positivo o dubbio (valutazione secondo indice ISI di Matsuda – DeFronzo)
    * Test completo (1gr / Kg di peso corporeo) con 5 prelievi al tempo 0 – 30’ – 60’ – 90’ – 120’ se al tempo 60’ al test di base la glicemia supera i 160 mg/100 ml
    - Uricemia, GOT, GPT, LDH, Elettroliti, QPE, Emocromo completo, Es. Urine con valutazione del sedimento urinario, aPTT, PT, Fibrinogeno, AT III, D-Dimero
    - Dosaggio degli Immunocomplessi circolanti
    - Ricerca cellule LE - Ricerca del LAC (Lupus anticoagulant) e dei fenomeni LAC-correlati (KCT, RVVT) (se positivi, ripetere dopo 8 settimane)

    - Tests per trombofilia congenita:
    Omocisteinemia a digiuno
    Dosaggio Proteina C attivata
    Dosaggio Proteina S attivata
    Valutazione della resistenza alla proteina C attivata
    Ricerca mutazione Leiden del Fattore V
    Ricerca della mutazione G20210A del fattore II
    Ricerca mutazione dell’enzima MTHFR e delle sue varianti alleliche principali (C677T – A1298C)
    - Tests per ipofibrinolisi congenita:
    Polimorfismo PAI 1 (ricerca genotipo 4G/4G)
    Polimorfismo ACE (ricerca genotipo ACE D/D)
    Ricerca mutazioni fattore XIII
    Ricerca mutazioni fattore XII
    Ricerca mutazione Beta – Fibrinogeno
    Ricerca Mutazione HPA – 1
    Ricerca mutazione gene APOB ed APOE
    - Dosaggio di Progesterone e PRL in 18° - 21° e 23° giorno del ciclo, contando dal primo giorno del flusso mestruale, associando Ecoflussimetria Doppler delle Arterie Uterine
    - Tampone vaginale e cervicale per: germi comuni, Ureaplasma, Mycoplasma, Chlamydia
    - Citologia endometriale (ricerca plasmacellule) su prelievo dedicato (per-isteroscopico o Vabra o Endocyte)
    - Cariotipo della coppia su linfociti del sangue periferico
    - Esame del liquido seminale del partner dopo adeguata preparazione – in caso di marcata teratospermia, eseguire un esame FISH sul liquido seminale.
    - Dosaggio fT3, fT4, TSH
    - Eco vaginale al V giorno del ciclo - Isteroscopia - Isterosalpingografia (se si sospetta una malformazione uterina all’eco vaginale)


    Saluti.


    Prof.Dr.Ivanoe Santoro
    Spec.Ostetrico/Ginecologo
    Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Doc. Anatomia Umana Univ. Napoli

  5. #5
    Utente donna
    Iscritto dal
    2010
    Gentile dottore, mi ritrovo qui di nuovo con sulle spalle altri due aborti precoci. Il secondo è stato un uovo chiaro e le cellule messe in coltura hanno rivelato la presenza di un embrione di sesso maschile con Sindrome di Down in mosaicismo (47, XY +21 su alcune metafasi e 46, XY su altre).
    A seguito del secondo aborto ho fatto esami immunologici, della trombofilia e cariotipo con metodica FISH. Non è emerso nessun problema se non la mutazione MTHFR in omozigosi che però risponde bene alla supplementazione giornaliera con Folina.
    Dopo qualche mese di pausa abbiamo ricominciato la ricerca di una gravidanza e sono rimasta incinta questo mese, ma purtroppo ho avuto un aborto spontaneo (senza raschiamento, almeno stavolta) due giorni fa a 6+5. La mattina avevo effettuato un'eco intravaginale e si evidenziava solamente una piccolissima camera gestazionale di 0,6 cm, che la sera ho espulso.
    Ora, a parte la mia età, che so che gioca a mio sfavore, non ci sono altri fattori che possano far presupporre una predisposizione ad abortire, eppure non me ne va bene una.
    L'unica cosa che non ho fatto sono esami relativi alla tiroide ed esami approfonditi riguardo alla glicemia. La mia glicemia è normale, ma non ho mai misurato l'emoglobina glicata o fatto esami dopo carico.
    Non credo siano queste, comunque, le cause di aborti precoci come il mio.
    Ho sentito alcune amiche che, su consiglio dei loro ginecologi, prendono metformina o clomid per "migliorare l'ovulazione".
    Io monitoro la mia ovulazione da tre anni tramite la temperatura basale e mi accorgo che questa ha un andamento bifasico e regolare, ovulo quasi sempre intorno al 14 giorno e ho cicli regolarissimi, ancor più regolari dopo il primo aborto!
    L'unica cosa "strana" è che la mia temperatura non arriva mai a 37 gradi ma si aggira su 36,7-36,8.
    Questo può comunque indicare carenza di progesterone?
    Che altro posso fare, fermo restando che comunque sono seguita da un ginecologo e mi fido di lui? Mi piacerebbe comunque sentire anche un altro parere perché queste teorie riguardo la "cattiva ovulazione" non mi sono mai state proposte dai ginecologi che mi hanno seguita. Grazie.



  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 550 Medico specialista in: Ginecologia e ostetricia

    Risponde dal
    2007
    Mia cara signora, in un mio precedente post, Le ho inviato gli esami che dovrebbero essere eseguiti per conoscere quali cause vi possono essere alla base dei suoi aborti (almeno tentare di conoscerle con un indice di affidabilità del 70 - 75%).
    La terapia e l'ipotesi eziologica e patogenetica si potranno mettere in sesto solo DOPO l'esecuzione degli esami medesimi.
    Saluti ed auguri per la Sua ricerca.


    Prof.Dr.Ivanoe Santoro
    Spec.Ostetrico/Ginecologo
    Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Doc. Anatomia Umana Univ. Napoli

  7. #7
    Utente donna
    Iscritto dal
    2010
    Buongiorno dottore,
    come detto nel mio precedente messaggio ho fatto tutti gli esami di screening per la poliabortività e anche mio marito ha effettuato spermiogrammi e spermiocolture, tamponi e visite andrologiche.
    Non è stato trovato nulla su nessuno dei due. Abbiamo fatto anche cariotipi approfonditi nonché il pannello immunologico, trombofilico eccetera.

    Come le dicevo l'unica cosa non controllata è l'emoglobina glicata e l'insulina, ma il mio glucosio ha valori normali e io non soffro di PCOS. Ciclo, ovulazione e apparato genitale sono normali.
    Ho fatto proprio tutto quello che indicava lei.

    Volevo appunto un suo parere sul fatto che possa esistere una "cattiva ovulazione" come sostengono alcune scuole di pensiero. E' possibile che pure avendo ciclo bifasico, ovulazione regolare, fase luteale lunga il giusto, nessuno spotting e riuscendo a rimanere incinta ci sia carenza di progesterone lo stesso?



Discussioni Simili

  1. Stick ovulazione mai positivo
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 29/06/2010, 06:25
  2. Ovulazione al 32 giorno del ciclo possibile?
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27/06/2010, 17:33
  3. Giorni fertili e stick ovulatori
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10/07/2010, 10:02
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10/07/2010, 12:01
  5. Il venerdì anziché il giovedì
    in Ginecologia e ostetricia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 20/06/2010, 12:45
ultima modifica:  25/10/2014 - 0,09        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896
 
@media only screen and (max-width: 767px) { #banner { display:none;} }