Utente 156XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 18 anni e dall'età di 14 anni dopo un lungo affanno, specialmente dopo una lunga corsa, avverto al basso ventre dolori mestruali ma con intensità maggiore, a volta da non riuscire quasi a muovermi e sudare freddo.
Il dolore inizia a farsi sentire dopo una decina di minuti se la corsa è molto veloce, ma il suo apice è raggiunto dopo qualche minuto dal termine della corsa.
Sono davvero molto forti come dolori e sembrano attenuarsi per qualche secondo per poi riprendere sempre in maniera molto forte; il tutto dura all'incirca 20-30 minuti dal termine della corsa per poi tornare tutto alla normalità.
Sono localizzati nella parte inferiore del ventre appena sopra il pube.
Non ho mai fatto alcuna visita specialistica in quanto pensavo fossero dolori legati al poco allenamento ma a distanza di qualche anno, dato che non passano sono andata dal medico il quale mi ha fatto un controllo dell'aorta per escludere soffi e anche delle due vene che sono localizzate sulle cosce, ma il battito era forte e chiaro. Ora mi rivolgo a voi, a cosa possono essere dovuti?
Aggiungo che le mestruazioni le ho avute all'età di 11 anni e che ho sempre avuto un po di mal di pancia, ma che venie risolto con le compresse "buscofen".
Ah dimenticavo, se corro per poco tempo non ho alcun sintomo ed infatti i dolori li accuso solo quando la corsa è lunga e veloce ( TEST DI COOPER AD ESEMPIO).
Spero di avere un vostro consulto al più presto. Grazie.

CORDIALI SALUTI

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

molti potrebbero essere i problemi e mi sembra, forse è una mia errata supposizione che lei si stia trascurando, mi riferisco al fatto che non abbia mai citato una visita ginecologica visto che ha il ciclo da circa otto anni, per esempio.

direi che la cosa migliore senza parlare dell'aria fritta sarebbe quella di andare dal suo medico curante e farsi visitare. certamente il suo medico la introdurrà, se sarà opportuno, in un programma diagnostico personalizzato. al termine del quale sempre se opportuno saranno fatte delle proposte terapeutiche.

mi tenga informato e cordiali saluti, buona domenica