Utente 164XXX
Buongiorno, ho 35 anni e sono sposato da tre anni. Mia moglie ha fatto una visita ginecologica
ed il medico le ha detto che tutto è a posto. Sono ormai 3 anni che proviamo ad avere un figlio
ma sembra che non voglia arrivare. In questi giorni mi son convinto a fare uno spermiogramma e relativa esame colturale.

L'esame colturale è negativo, mentre i risultati dello spermiogramma sono i seguenti:
Fluidificazione:completa. pH: 8,5. Viscosità: assente.
Volume totale: 3 ml. Volume trattato: 3 ml.
Tecnica utilizzata: SWIM-UP.

Concentrazione: 50x10^6 /ml.
Motilità - Rapid. progressiva: 20 %. Debol. progressiva: 20 %.
In situ: 20 %. Immobili: 60 %.

Dopo trattamento
N°/ml : 20 x 10^6 /ml. Motilità rapid. prog.: 94 %.

Morfologia
Forme normali: 30 %. Anomalie testa: 20 %. Anomalie coda: 26 %. Forme amorfe: 24 %.
Leucociti: 2 x 10^6 /ml
Eritrociti: assenti. Zone agglutinazione: assenti.

Può, gentilmente, darmi un parere di massima sui risultati avuti?
La ringrazio anticipatamente del suo prezioso contributo.
Cordialmente
Ettore

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,lo spermiogramma offre solo un potenziale statistico della fertilita' di un uomo,che va correlato con la diagnosi ginecologica e,principalmente,con quella andrologica.Ho la sensazione che il problema sia gestito dal solo ginecologo,senza il ricorso ad un andrologo...Ci aggiorni in merito.Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr. Antonio Giambersio
28% attività
4% attualità
12% socialità
POTENZA (PZ)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
l'esame che lei ci ha trasmesso evidenzia un leggero deficit della motilità degli spermatozoi (Motilità progressiva: 20 %) ed un aumento della popolazione di
leucociti. In prima istanza queste alterazioni potrebbero essere secondarie a una flogosi (ad esempio una prostatite). Come correttamente le diceva il Dr. Izzo è necessaria una valutazione andrologica per comprendere le cause delle alterazioni e quindi trattarle in modo adeguato.
Ulteriori informazioni su questi argomenti può trovarle all'indirizzo www.giambersio.it
Cordiali saluti