Utente 165XXX
Buongiorno Dott.Vaccari,
mi rivolgo a Lei per porle un quesito. Ho 25 anni, e sto assieme alla mia
fidanzata di 19 anni da 1 anno e qualche mese. Ho fatto l'amore con lei l'anno
scorso per la prima volta nella mia vita ed è andato tutto benissimo. Eravamo
molto soddisfatti della nostra intimità, pur potendolo fare solamente una volta
alla settimana. E' successa a volte qualche defaillance da parte mia, sono cose
che possono capitare a tutti e quindi non mi sono mai fatto prendere
dall'ansia. Però da circa un mese sono sorti dei problemi. Una prima volta non
ho potuto farlo per colpa di un profilattico sbagliato (infatti mi va bene solo
un tipo), una seconda il troppo caldo non mi ha fatto stare tranquillo, mentre
l'ultima ho scoperto che il mio pene non va più in erezione. Cosa è successo?
Mi sto facendo prendere dall'ansia e da ogni genere di preoccupazione, non
tanto per queste defaillance, tanto per il fatto che da circa 15 giorni vedo il
mio pene molto piccolo, che non riesce ad eccitarsi di fronte veramente a
nulla. Da cosa puo' essere causato questo?
Voglio segnalarle che, prima di conoscere questa persona veramente fantastica
e che sa sempre capirmi, mi sono masturbato molte volte guardando film porno.
Puo' essere questa la causa? Non so più cosa fare, non so se è un problema
fisico o psicologico. Centra qualcosa il fatto che io abbia fatto una
operazione di varicocele un paio di anni fa? E lo stress quanto puo' influire?
Sottolineo che io non ho soltanto più l'ansia da prestazione diciamo del
momento, ma proprio io tutta la settimana il mio pene lo sento come "staccato"
dal corpo. Cosa devo fare?
Non ho da 15 giorni neppure il pene rigido al mattino!

In attesa di una sua cortese risposta, la ringrazio cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Campo
28% attività
0% attualità
12% socialità
VERONA (VR)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
la disfunzione erettile può verificarsi saltuariamente senza indurre problemi psicologici o gestionali, ma quando si ripete più volte e il difetto erettile diventa più importante per qualità e/o quantità allora si attivano le problematiche con essa connesse.
La disfunzione erettile ha cause organiche e psicologiche, entrambe agenti separatamente o in concorso tra loro o in differenti successioni temporali.
Si rivolga ad uno specialista in Andrologia che dopo un accurata visita saprà consigliarle il giusto percorso terapeutico.

Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
difficile pensare a problema organico a 22 anni. Ma non impossibile. per cui vale la pena fare chiarezza.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dai colleghi che mi hanno preceduto, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html .

Un cordiale saluto.