Utente 389XXX
Ho 31 anni e da quando ne avevo 8 soffro di alopecia. Inizialmente avevo solo delle chiazze senza capelli qua e là che comparivano e scomparivano, poi in seguito a uno spavento ho perso tutti i capelli e tutti i peli del corpo. Dopo mille e mille consulti i medici mi hanno definitivamente diagnosticato l'alopecia come malattia autoimmune e quindi genetica.
E' stata dura ma alla fine la cosa è stata superata, in particolar modo da quando ho incontrato una ragazza che è andata oltre a questo mio problema e che si è innamorata di me.
Abbiamo deciso di sposarci e vorrebbe subito dopo avere dei bambini, per questo il mio cruccio adesso è: quante possibilità ci sono che i miei figli ereditino questa mia malattia?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
nella genesi(causa) della alopecia areata ci sono certamente predisposizioni familiari,ereditarie,con un difetto genetico che interviene a livello immunologico in una certa percentuale di casi.
Non si tratta sicuramente di una percentuale altissima,per cui non e' assolutamente detto che un figlio possa avere questa patologia,che comunque riconosce anche altri fattori scatenanti.
Talvolta vi sono inoltre patologie associate
La sua domanda su QUANTE siano le possibilita' forse dovrebbe essere girata ad un genetista ,ma le assicuro che non credo possa essre molto piu' preciso...
Cordialita'
[#2] dopo  
Utente 389XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio per la sua risposta.
Immaginavo che non ci fossero dati precisi e che il destino debba fare il suo corso.
Ma il fatto che la mia futura moglie sia assolutamente sana può influire positivamente oppure è irrilevante?
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
certamente va considerato che il corredo cromosomico dei figli deriva per meta' dal padre eper meta' dalla madre.
Si puo' dunque comprendere,se consideriamo la cosa dal punto statistico,come la madre sana sia importante in senso positivo.
Cioe':
Se il padre ha 10 carte da gioco in mano (9 buone e 1 cattiva)e la madre altrettanto 10(pero'tutte buone) e il figlio deve ricevere 5 carte dal padre e 5 dalla madre e' molto piu' bassa la possibilita'di avere la carta"brutta" rispetto al caso in cui anche la madre sia dotata di carte brutte!
a disposizione per chiarimenti
Cordialita'
[#4] dopo  
Utente 389XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio per i suoi chiarimenti.
Spero che questa eventualità non si verifichi perchè ho provato sulla mia pelle cosa voglia dire essere un bambino "diverso" dagli altri e per questo deriso e messo da parte.
Ma è troppa la mia voglia di avere un figlio tutto mio.
So che vivrò la gravidanza e i primi anni di vita di mio figlio con il terrore che possa succede qualcosa, so che controllerò la sua testa ogni sera.
L'unica cosa che spero è che lo stesso terrore non lo abbia la mia futura moglie, che probabilmente dentro di sè qualcosa teme ma che non ha il coraggio di dire. Vorrei che vivesse la gravidanza in serenità.
Una sere di queste vedrò di affrontare la questione, anche se c'è poco da dire: o si rinuncia ad avere un figlio tutto nostro o sfidiamo la sorte e che dio ce la mandi buona, anzi che i geni ce li mandino buoni! :-)
Grazie davvero
[#5] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
penso che una volta presa la decisione di avere un figlio(che e' sicuramente una della cose piu' belle ed appaganti di tutta la vita!)sia il caso di vivere serenamente questa scelta;non lasci che lo stress e l'ansia possano insediarsi nella sua famiglia oltre che in se stesso.Ricordi che alla base di questa patologia vi sono aspetti legati proprio all'ansia ed allo stress,perlomeno come fattore precipitante.
Inoltre la scienza va avanti,procede:cio' che e' vero oggi domani potrebbe essere diverso......
cordialita'
[#6] dopo  
Utente 389XXX

Iscritto dal 2007
Ieri ho incontrato una mia vecchia amica che non vedevo da tempo e che avevo saputo da amici comuni che non usciva più molto da casa.
Ieri ho capito il perchè: anche lei colpita da alopecia..
Non ho avuto il coraggio neanche di andarla a salutare.
Qualche anno fa io feci una cura presso una clinica dermatologica di Berna in Svizzera, dove c'era un luminare della dermatologia.
L'esito della visita fu che, se avessi seguito quella cura, avrei avuto il 96% di possibilità di ricrescita dei capelli... purtroppo io sono rientrato il quel 4% sfortunato.
Vorrei però indicare questo Istituto dermatologico a questa mia amica ma purtroppo nè io nè mia madre ricordiamo il nome nè della clinica nè del medico.
Potete aiutarmi?