Utente 166XXX
buon giorno,
dopo le prove allergiche a cui sono stata sottoposta mi è stata diagnosticata una orticaria acuta ed angioedema del volto brobabilmente causata da farmaci in quanto le normali prove allergiche per i comuni allergeni inalanti e alimentari sono risultate negative.Anche gli esami del sangue sono nella norma e negativi anche le specifiche autoimmuni.Ora a distanza di oltre un mese dal primo episodio le cose sono molto migliorate,tanto che sono rimasti solo qualche sporadico pomfo che compare qua e la.Il farmaco incriminato dovrebbe essere il nimisulide che uso quando il mal di testa è troppo forte.
In alternativa l'allergologo mi ha consigliato contramal gocce,ma documentandomi ho trovato più contrindicazioni che benefici.
Le mie domande sono,
questa orticaria potrà sparire del tutto o i pomfi compariranno di tanto in tanto?
Quale farmaco posso assumere al posto del nimesulide,cambiando la molecola del fans e quindi il principio attivo rischio di peggiorare la situazione?
grazie anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Buongiorno.
Da quanto riferisce esiste una contraddizione.
Dice che l'orticaria è "probabilmente causata da farmaci (nimesulide?) in quanto le normali prove allergiche per i comuni allergeni inalanti e alimentari sono risultate negative" e poi che "a distanza di oltre un mese dal primo episodio le cose sono molto migliorate, tanto che è rimasto solo qualche sporadico pomfo".
Al di là di alcune possibili osservazioni sulla diagnosi, deduco che stia continuando a presentare orticaria (seppur in forma minore) anche senza l'assunzione di antinfiammatori.
Formalmente si tratta ancora di un'orticaria acuta, pertanto potrebbe anche esaurirsi in breve tempo. Se dovesse cronicizzare (peristendo per oltre sei settimane), il discorso può cambiare anche radicalmente perché non sarà possibile fare alcuna previsione sull'andamento delle eruzioni.
Non rispondo all'ultima domanda perché si tratta di una questione delicata, anche con implicazioni medicolegali, che necessita di valutazione diretta ed eventuali test di tolleranza. Mi premetto solo di dirLe che a mio avviso ha poco senso escludere il tramadolo solo per averne letto i possibili effetti indesiderati, piuttosto che averli vissuti.
Saluti,