Utente 439XXX
Età:29

Sono stata operata al seno il 17 Maggio. Mi è stato asportato un fibroadenoma grosso un po`più di due centimetri. In seguito all´operazione mi si è formato un ematoma di cinque centimetri. Il medico che mi ha operata mi ha fatto presente che ho due possibilità: essere nuovamente operata (per asportare l´ematoma) o massaggiare la parte interessata per circa 5 minuti due volte al giorno.
Premetto che al momento mi trovo in Germania e non conosco nessun medico di mia fiducia, desidererei peratanto un consiglio. Naturalmente se posso evitare un`altra operazione ne sono ben contenta, mi chiedo però se è veramente possibile che con dei massaggi un ematoma di così notevoli dimensioni venga riassorbito ...

Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Corrado Michele Maria Campisi
20% attività
8% attualità
0% socialità
SAN GREGORIO DI CATANIA (CT)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2001
Gentile Signora,mi dispiace per quel che le è accaduto,tuttavia,un ematoma costituito,generalmente sotto-fasciale,di grandi dimensioni,sommessamente, non può essere evacuato o ancor meglio riassorbito mediante un semplice massaggio giornaliero digito-digitale.
Urge un fortunoso drenaggio evacuativo guidato,mediante ecotomografia, con ago di buon diametro montato su una siringa da 20 cc., comprimendo fortemente e contemporaneamente tutta la zona circostante alla puntura esplorativa e posizionando un drenaggio a caduta con pompetta di aspirazione per ulteriori 3-4 gg a scopo cautelativo.
Solo nel caso contrario, cioé quando non si riuscisse in tale intento, sarebbe indispensabile operare una revisione chirurgica.
Le invio i miei migliori auguri per un pieno successo dell'intervento esplorativo/evacuativo e per la completa risoluzione del caso clinico.
Le segnalo tuttavia il Reparto di Chirurgia d'Urgenza dell'Ospedale S.Martino dell'Università degli Studi di Genova, diretto dal Professore Mario Casaccia, un anziano allievo dell'Emerito Professore di Chirurgia Egidio Tosatti, mio Maestro, che la aiuterà a risolvere comunque velocemente e magistralmente il caso.
Capitano di Corvetta Medico M.M.
Corrado Michele Maria Campisi

[#2] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
in effetti, essendo passato cosi' tanto tempo, mi sembra improbabile che si riassorba da solo, peraltro credo sia altrettanto improbabile aspirarlo con un ago, essendosi certamente organizzato, ovvero diventato solido.Probabilmente un piccolo reintervento, anche in anestesia locale e' la cosa piu' sensata, che puo' tranquillamente fare rivolgendosi ad un chirurgo in Germania.Auguri
[#3] dopo  
390

Cancellato nel 2012
Gentile Signora , deve semplicemente affrontare il problema rivolgendosi ad una qualsiasi chirurgo generale che dovrà praticarle , credo in anestesia locale , lo svuotamento dell'ematoma con la messa in situ di un piccolo drenaggio per un brevissimo perodo di tempo .
Non esistono massaggi per questo problema! auguri!