Utente 166XXX
Salve sono un ragazzo di 33 anni a breve dovrò fare un intervento in artroscopia al ginocchio.Ho una grande paura del catetere vescicale post intervento, questa mia paura è data dal fatto che un po' di anni fa fui operato di varicocele e dopo l'intervento non riuscivo ad urinare(dovuto più che altro ad un mio blocco psicologico) da li si è scatenato l'inferno. Hanno provato a mettermi il catetere(ben due volte) ma senza risultato poichè l'infermiere verso la fine non riusciva ad entrare nella vescica(diceva che ero troppo teso).Nel frattempo avevo un gran stimolo ad andare ma niente non riuscivo proprio da sdraiato nel letto.Alla fine durante la notte da solo ce l'ho fatta.Insomma per farla breve per evitare un altra odissea del genere cosa potrei fare?Si potrebbe evitare tutto ciò? è cosi necessario urinare subito dopo l'intervento, oppure si può fare anche a distanza di ore?Conoscendomi ho paura di avere un altro blocco psicologico e di ripetere lo stesso calvario.Vi ringrazio per la gentile risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, non è necessario urinare subito dopo l'intervento, dipende dai liquidi introdotti e.v., dal tipo di intervento e se si forma un globo vescicale. Mi spiego meglio: può succedere dopo un intervento, ma difficilmente subito dopo, che la vescica sia gonfia provocando dolore, ma il paziente, per vari motivi, non riesce ad urinare. Solo in tale caso c'è urgenza di posizionare un catetere vescicale, oppure se sono passate molte ore senza urinare, e bisogna fare un bilancio idrico. Una Anestesia spinale e/o peridurale talvolta può accompagnarsi ad una difficoltà ad urinare nel postoperatorio, ma la cosa veramente importante sarebbe sapere perchè non sono riusciti a metterle il catetere, ossia se è stata solo inesperienza o c'è una reale difficoltà anatomica. Comunque lei faccia presente quanto le è successo al collega anestesista, in modo che il catetere vescicale sia messo solo come estrema ratio e da mani sicuramente esperte.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio Dottoressa per la sua celere risposta.Anche io sono rimasto nel dubbio dopo tanto tempo del perchè l'infermiere non riusciva ad entrare nella parte finale con il catetere se dovuto dalla sua inesperienza o da qualche mio problemaanatomico(spero di no).Comunque farò presente queste mie paure all'anestesista al momento del colloquio sperando di trovare la soluzione migliore
Buona serata