Utente 392XXX
Gent.le Staff
scrivo nel tentativo di saperne di più in merito ad un problema che mi porto dietro da 5 anni.
Nel 2001, in aereo, al momento della discesa venni colto (non per la prima volta, ma mai in maniera così grave) da una serie di "punture" al viso e fastidio al timpano dx, come se tanti aghi si conficcassero nel volto contemporaneamente e per tutta la durata della discesa. Giunti a terra ho subito una emorragia nasale che mi è costata una settimana di letto con un tappo su per il naso. Successivi controlli hanno appurato una lieve sinusite ed una macchia, proprio sul lato dx, tra lo zigomo e il setto nasale. Mi dissero essere una sorta di "agglomerato mucolitico pietrificato" (se ricordo bene). Da quel momento, 9 volte su 10, quando subisco uno sbalzo di pressione (sempre nella fase di discesa) da una montagna o da posti cmq non molto elevati (non ho più avuto il coraggio di prendere l'aereo) il fastidio si ripresenta in forme più o meno leggere a seconda dell'altezza che ho raggiunto (cmq si parla di gite domenicali in montagna con gli amici), tornano quindi le "punture" al viso, il timpano chiuso ecc...
Percependo cronicamente, inoltre, la chiusura del timpano quasi costante (similarmente alla sensazione che si ha quando si è raffreddati) ho parlato con alcuni medici che imputavano il fenomeno a qualcosa di "inguaribile" (senza visite approfondite). Ho scoperto che questo problema è molto comune, nella stessa forma in cui ha sorpreso me, c'è chi sugerisce soluzioni salmastre e chi coni in cera. Ma li reputo semplici palliativi. Se possibile, gradirei conoscere il vostro pensiero in merito.
RingraziandoVi anticipatamente
porgo
Cordiali Saluti
Massimo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
38178

Cancellato nel 2007
Probabilmente si tratta di un problema di disventilazione dell'orecchio medio unito ad una sinusopatia cronica.

Prima di formulare prognosi di "inguaribilità" andrebbero fatte: visita otorinolaringoiatrica con endoscopia nasale, esame audioimpedenzometrico e probabilmente (a giudizio dello specialista che valuterà il caso) una TC del massiccio facciale.

Ci tenga aggiornati.