Utente 166XXX
Salve, sono un ragazzo di 33 anni. Ho avuto un intervento al cuore, per il sindrome della scimitarra, scoperto un anno fá. Dopo l'intervento durato 8 ore, quando doveva durare soltanto 4, mi dicono che tutto é andato bene. Dopo due mesi mi sento molto stanco quando salgo le scale e mi fanno fare una TAC, dove scoprono che il diaframma é stato danneggiato. Con il diaframma paralizato il musculo si é gonfiato e ha ridotto il polmone destro. E' come avere un polmone e mezzo. Non potró fare piú il mio lavoro, lavoro in edilizia. La mia domanda é posso richiedere un risarcimento per il danno sofferto? Che possibilitá cé che qualcuno si prenda la sua responsablitá?

Grazie. Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
101860

Cancellato nel 2013
gentile utente, ovviamente questa non è la sede adatta per entrare in merito ad una controversia legale nè ci sono tutti i dati (per esempio l'atto operatorio) per esprimere giudizi. La lesione del nervo frenico e la successiva paralisi del diaframma è una complicanza molto rara in cardiochirurgia: può avvenire quando si taglia trasversalmente il pericardio e ci si avvicina al decorso del nervo. In genere questa manovra viene eseguita negli interventi di bypass coronarico con il prelievo dell'arteria mammaria. Ovviamente questo non è il suo caso. A volte la lesione è secondaria all'uso del raffreddamento topico del cuore con il ghiaccio; in questo caso il danno è transitorio.
E' un diritto del paziente rivolgersi ad un legale per un eventuale risarcimento ma ho seri dubbi che vengano messe in luce chiare evidenze riguardo il rapporto causa-effetto.

Cordiali saluti