Utente 778XXX
buongiorno, premetto che ho fatto una visita da infettivologo per epatite c contratta 20 anni fa, e ho scoperto che si è negativizzata. nei referti del medico ho trovato questi valori: urine albumina 25, peso specifico 1031 + esterari leucocitaria. Avevo una cistite in corso, della quale soffro perennemente nonostante abbia preso antibiotici, e disinfettanti urinari + rimedi naturali (quali mirtillo rosso, uva ursina, etc. etc.). Gli altri esami del sangue sono tutti nella norma, tranne tsh 5,42 e st4 8,3 (il medico mi ha prescritto eutirox 50) e prolattina 122 basale ( prendo Dostinex, ma ultimamente non l'ho preso). I valori della pressione sono nella norma, la glicemia è al limite e il colesterolo pure. Cosa mi consiglia. Grazie mille!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
0% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Cara Signora,

le consiglio di ripetere l'esame urine ad almeno 7 giorni dalla risoluzione del quadro infiammatorio delle vie urinarie.

Vista la storia di infezioni ricorrenti sarebbe anche utile ecografia addomino-pelvica con studio vescicale post-minzionale e visita ginecologica.
L'alvo deve essere regolarizzato, se non lo è già.

Un saluto
[#2] dopo  
Utente 778XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio innanzitutto per la risposta velocissima: l'infettivologo mi ha detto che questa proteinuria è un pericolo di malattie cardiovascolari, mi puo' spiegare come mai? mi ha chiesto e misurato la pressione, io solitamente ce l'ho bassa-normale e che se l'avessi avuta piu' alta mi avrebbe dato qualcosa per ridurla. Non ho approfondito. Mi puo' spiegare lei? Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
0% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Al giorno d'oggi si sa che un'escrezione urinaria di albumina elevata è associata al rischio di malattie cardiovascolari. Essa è espressione di un danno iniziale ai reni, ma che evidentemente ha un qualche significato clinico. Vedo che lei è in sovrappeso, e spesso all'obesità si associa un aumento dell'albuminuria.

Quello che però voglio spiegarle è che un singolo dato di albuminuria non è significativo; tanto più se esso è concomitante a infiammazione delle vie urinarie.

Guarisce l'infezione delle vie urinarie; dopo una decina di giorni controlli l'esame urine. Se l'albuminuria è presente, la controlli sulle urine delle 24 ore. Se è aumentata, vanno controllati almeno altri 2 valori nel giro di 2-3 settimane prima di fare una diagnosi definitiva di alterata escrezione di albumina.

Un saluto,