Utente 923XXX
Gentile dottore,
siamo veramente disperati. Mio padre, 78 anni soffre di scompenso cardiaco da 5 anni, sempre tenuto sotto controllo. Nel 2008 gli viene impiantato un pace-maker con defibrillatore.Da quest'anno le cose stanno peggiorando, ora si trova in ospedale e l'ultimo ricovero risale a 20 giorni fà,sempre per scompenso.Entrato in ospedale gli è stata fatta una lastra che vedeve liquido ai polmoni e tessuti,non riusciva a respirare e chiedeva in continuazione ossigeno.Ora sono 9 giorni che è ricoverato,attaccato a flebo di diuretico,a volte mandato anche ev puro.Lui ha anche un cuore molto ingrossato quasi al limite massimo.I primi 4 giorni sembrava che andasse meglio,invece da 3-4 giorni il suo addome è esageratamente gonfio e anche le gambe,soprattutto le caviglie.La notte non dorme perchè gli manca l'aria e ha sempre bisogno dell'ossigeno,anche se 3 giorni prima lo aveva tolto.Il suo peso aumenta 7-8 etti al giorno.In ospedale,ci dicono che l'unica cura è il lasix.Possibile che non esiste un'altra cura o un diuretico più forte.Noi figli siamo molto preoccupati perchè non lo vediamo bene,è affaticato,non vuole mangiare e si sente sempre più fiacco.La prego ci dia una risposta immediata.Abbiamo tanta paura,cosa vuole dire tutto questo?La ringraziamo sin da ora per la sua risposta e le inviamo i nostri saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
La cura dello scompenso cardiaco acuto prevede dosi massicce di diuretico, vasodilatatori ed in alcuni casi farmaci inotropi che aiutano un cuore estremamente indebolito a pompare con piu' vigore.
A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 923XXX

Iscritto dal 2008
Grazie tante per la sua repentina risposta,torno proprio ora dall'ospedale,ho parlato con il medico che mi ha detto che la sua situazione è peggiorata.Oltre la parte sinistra ora è compromessa anche la parte destra,ecco perchè il suo addome è così gonfio,ha fatto eco-cardio e risulta Fe 23,ha anche il fegato statico,cosa vuol dire fegato statico?Oltre il lasix hanno aggiunto un altro diuretico forte.Oggi o domani gli faranno una radiografia al torace per vedere il liquido nei polmoni.Io non credo che siano stati sinceri con noi.....questo quadro clinico cosa vuole dire?Cosa dobbiamo aspettarci dato che questa notte inoltre ha avuto una crisi respiratoria?Ci hanno detto che lunedì vorrebbero mandarlo a casa se nei polmoni non trovano niente,ma in queste condizioni ho paura che possa succedere il peggio anche la notte stessa.La prego non abbia timore di dirmi la verità,ho superato i 40 e quindi ormai sono abbastanza adulta.Vorrei solo capire,dato che giorno dopo giorno lo vediamo peggiorare.La ringrazio tanto.
[#3] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Il fegato da stasi è la condizione patologica del fegato causata dalla incapacità del cuore di pompare sangue con sufficiente vigore, determinando appunto accumulo di liquidi nel fegato.
Purtroppo lo scompenso cardiaco è una patologia molto grave e molto pericolosa per la vita.
Speriamo che tutto vada per il meglio.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 923XXX

Iscritto dal 2008
Grazie tante da parte mia e dei miei fratelli.Saluti a lei.