Utente 332XXX
Gentili dottori,
oggi ho appreso di avere la sifilide. L'ho scoperto per caso facendo analisi di controllo. I sintomi avuti in questi ultimi mesi sono stati lindonodi ingrossati al collo e sottomascellari, e lesioni alla bocca (pensavo dovute a un fungo) curate con un antimicotico. Sul pene non ricordo di aver avuto lesioni, ma forse un arrossamento di qualche giorno al quale non ho dato troppa importanza.
A questo punto la mia domanda è questa: è possibile che abbia contratto la sifilide avendo messo a contatto la mia bocca con la vagina della mia partner?
La terapia verrà fatta in base alle analisi del sangue o mi saranno fatte ulteriori test? (lo chedo perchè al momento oltre i linfonodi ingrossati non presento nessuna lesione in nessuna parte del corpo.
Un'utlima cosa: quando sarò guarito potrò tornare di nuovo a donare il sangue?
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Sì, è possibile se presenti lesioni luetiche a livello genitale . Una volta accertata la sifilide si attuerà subito la terapia antibiotica con penicillina. Dubito che potrà tornare a donare il sangue, anche dopo guarito, perchè la sifilide è motivo di esclusione permanente
[#2] dopo  
Utente 332XXX

Iscritto dal 2007
Scusi non ho capito bene;
è possibile che io sia stato contagiato alla bocca, poichè ho "leccato" la vagina probabilmente infetta della partner? Le chiedo questo poichè le penetrazioni avvengono sempre protette.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
La malattia è a trasmissione venerea ; è possibile che ,se presenti lesioni infettanti a livello genitali, e , in lei, presenti microferite del cavo orale , ci sia stato un punto d'ingresso , di contagio; naturalmente sono ipotesi , non certezze