Utente 167XXX
Gentili signori,
ho provato a cercare nei precedenti post ma senza risultato.
Mio zio, uomo di 70 anni con un infarto alle spalle ha subito due settimane or sono un intervento a cuore aperto. Non so spiegare tecnicamente il tipo d'intervento, esso ha riguardato un bypass ed una valvola aortica.
Dopo qualche giorno dall'intervento è comparsa la febbre a 38° seguita da costante inappetenza, i medici stanno somministrando antibiotico da ormai più di 10 giorni senza risultato.
La domanda è: da cosa può dipendere tale condizione considerando che la ferita sembra ok?
Grazie anticipatamente per la vostra disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
101860

Cancellato nel 2013
la presenza di febbre persistente nonostane terapia antibiotica, nel postoperatorio, non deve essere sottovalutata; può essere espressione di un'infezione postchirurgica, spesso alla ferita o ai polmoni a alle vie urinarie. In genere vengono eseguiti tamponi e/o emocolture e/o urocolture per evidenziare eventuali agenti batterici o fungini responsabili dell'infezione. Sulla base di questi esami viene poi eseguito un antibiogramma che indica quali siano gli antibiotici efficaci.