Utente 168XXX
Buonasera. Ho avuto nei mesi scorsi alcuni rapporti con prostitute donne, e sempre protetti, nei quali ho potuto constatare inoltre la integrità del profilattico in ogni caso. Ad ogni modo, preciso che alle volte, terminato il rapporto, sfilandomi il profilattico, con l'ausilio di fazzolettini per non entrarne in contatto, ho avuto il timore di poterne aver toccata la superficie e, data la mia cattiva abitudine di strappare le pellicine dalle dita, che mi porta ad avere spesso delle piccole ferite alle dita, non so se cio' possa essere un fattore di rischio ulteriore. Da alcuni giorni ho accusato sintomi quali lieve mal di testa, una sensazione di fastidio al fianco destro, non localizzata, leggera stanchezza ed una inappetenza che, essendo io piuttosto un tipo ipocondriaco quando si tratta di malattie e malanni, potrebbe essere stata conseguenza della preoccupazione di aver contratto qualche malattia infettiva. Mi scuso per l'excursus, ma ho cercato di essere il piu' puntuale possibile nella mia esposizione. In ogni caso, vorrei conforto sul comportamento da seguire, in considerazione del fatto che, anche se vivo al di fuori del mio nucleo familiare, incontro spesso i miei genitori e temo per la loro salute (mio padre è stato anche sottoposto a chemio circa cinque anni or sono, guarendo da un linfoma, e pertanto, data anche l'eta di 74 anni, puo essere un fattore di rischio per lui). Confesso di essere preoccupato, e già nella giornata di moani mi rechero' a fare una serie approfondita di analisi consigliatami da personale di guardia medica ove mi sonno recato nella mattinata di oggi. Quale rischio corro? Vi ringrazio anticipatamente.
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Il rischio è basso ma rischiosa è la sua abitudine anche se usa precauzioni.

La sua famiglia non corre alcun rischio.

http://www.medicitalia.it/minforma/medicina-di-laboratorio/56-modalita-trasmissione-tests-diagnostici-hiv.html