Utente 162XXX
Lo scorso mese di marzo ho subito un incidente con ferita lacero contusa, con interessamento parziale del tendine flessore, del III dito mano sx. Dopo la sutura e la stecca ho iniziato la fioterapia con aggiunta prima degli ultrasuoni e poi del laser ma dopo quattro mesi ho recuperato solo il 30% della funzione del dito. (Non riesco a piegarlo, nel palmo della mano, ed ad arpionare). Durante la fisio il terapista lo piega fino a toccare con il polpastrello la base del palmo della mano e da solo riesco anche a ripetere questi esercizi ma dopo solo una decina di minuti il dito si irrigidisce e non piega più.
Gradirei sapere se riuscirò a recuperare la totale mobilità del mio dito.
Un medico mi ha consigliato di sottoporlo a giudizio di uno specialista in chirurgia della mano e a tal proposito vorrei conosscere eventuali nominativi di medici specialisti nel ramo che operano in basilicata. Grazie
[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Non so dirLe se in Basilicata vi siano chirurghi della mano. Dall'elenco degli specialisti iscritti alla Società di Chirurgia della Mano, come può vedere qui http://www.sicm.it/regioni.html?reg=2 , non ne risultano. Può però cercare nelle regioni vicine cliccando sulla cartina dell'Italia.
Senza averLa visitata e senza sapere quali siano le reali condizioni del dito non è possibile prevedere l'entità del recupero e i tempi: bisogna prima capire quale sia il motivo per cui il movimento non sia completo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

la valutazione dell'eventuale danno tendineo residuo, se si tratta di semplici aderenze tra tendine e tessuti circostanti, ecc. va fatta direttamente dal chirurgo della mano.

Però resta indispensabile proseguire con la kinesiterapia attiva e passiva: infatti, da quello che mi sembra di capire, lei ha ancora una parziale rigidità articolare (probabilmente della interfalangea prossimale, cioè l'articolazione che si trova circa a metà del dito).

L'eventuale nuovo intervento chirurgico (sottolineo eventuale, perchè non è detto affatto che esso sia necessario), non può prescindere infatti da una normale escursione articolare (in parole povere: è inutile che la corda funzioni se la carrucola è arrugginita e bloccata).

Non so se sono stato sufficientemente chiaro.

Cordiali saluti.