Utente 395XXX
Gentile Dottori,
a mio marito è stato diagnosticato un varicocele sx di II grado e a dx di primo. In seguito ha fatto l'esame di spermiogramma e Vi riporto i risultati:
Giorni di astinenza: 3
Aspetto: REGOLARE
Quantità: 4,6 c.c.
Fluidificazione: REGOLARE
Viscosità: REGOLARE
ph: 7,7
Numero spermatooi X cc: 27 MILIONI.
MOTILITA'
Spermatozoi mobili: 30%
Motilità tipica progressiva: 0%
Motilità lentamente progressiva: 5%
Motilità discinetica: 10%
Motilità agitatoria in loco: 15%.
MORFOLOGIA NEMASPERMICA
Spermatozoi normoconformati: 60%
Spermatozoi giovani: 15%
Spermatozoi atipici: 25%.
ALTRI ELEMENTI
Cellule germinali: PRESENTI SCARSE
Cellule ematiche: ASSENTI
Cellule epiteliali: SCARSE
Corpuscoli prostitici: SCARSI
Leucociti: 10-15 x cv
Zone di spermioagglutinazione: ALCUNE
Microrganismi patogeni: ASSENTI.

Diagnosi: ASTENOSPERMIA.

Siamo sposati da qualche mese (le anlisi risalgono a prima del matrimonio), e il medico non ci ha dato molte speraqnze pèer quanto riguarda la possibilità di avere bambini. E' lo stesso anche per voi? E cosa si può fare? L'andrologo che lo ha visistato non ha parlato di nessuna soluzione chirurgica.
Grazie per l'attenzione che vorrete mostrarmi.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Intanto perchè si parli di infertilità è necessario un anno di tentativi infruttuosi.
Inoltre la infertlità è un problema della coppia e quindi contemporaneamente la coppia si avvale della consulenza di un ginecologo e un uro o andrologo.
L'esame trascritto non è drammatico,ma da solo vuol dire poco.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Cara Signora,credo che sia doveroso ripetere lo spermiogramma in quanto il precedente risale a vari mesi orsono.Inoltre concordo con il Collega Mallus sulla strategia da intraprendere e,credo,che la soluzione chirurgica non sia stata contemplata in considerazione dell'età di Suo marito (naviga verso i 40 ?).Si ricordi che anche per la eventuale Fecondazione Assistita é opportuno che sia ottimizato il fattore maschile...
Cordiali saluti
Dr. Pierluigi Izzo
[#3] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2007
Gentili Dott.ri Mallus e Izzo,
vi ringrazio per la Vs risposta.
In questi giorni mio marito rifarà lo spermiogramma e lo riporterò alla Vs attenzione.
Avrei delle domande:
-Per il Dr Mallus: mi dice che l'esame (vecchio!) non è drammatico ma da solo non basta. Cosa fare per approfondire meglio il problema?
- Per il Dr. Izzo - In effetti, mio marito ha 36 anni, ma conosco anche persone che hanno subito interventi di varicocele a 42-45 anni. Senza intervento dovremo, quindi, abbandonare l'idea di un figlio?
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Cara Signora,assolutamente no!Personalmente ritengo che dopo i 35 anni la correzione del varicocele offra limitate possibilità di recupero funzionale rispetto alle terapie farmacologiche.Vi sono milioni di coppie che hanno figli nonostante il varicocele...Ma,comunque,riparliamone con i dati aggiornati.
Le rinnovo i saluti
Dr. Pierluigi Izzo
[#5] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Concordo pienamente con quanto detto dal collega Mallus.
Utile la ripetizione dello spermiocitogramma e la sua rivalutazione clinica a distanza.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#6] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
anch'io sono daccordo con icolleghi
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,
a questo punto bisogna ,come gia suggerito dagli altri colleghi che mi hanno preceduto ripetere l'esame del liquido seminale. Con questo poi potrebbe essere utile consultare o riconsultare un andrologo esperto in patologia della riproduzione umana.
Comunque ,se desidera avere più informazioni su questo tipo di tematiche può anche leggere il manuale , scritto dalla ginecologa Elisabetta Chelo, "Quando i figli non arrivano" , CIC edizioni internazionali , Roma oppure il bel libro di Pier Luigi Righetti e Serena Luisi "La procreazione assistita" Bollatti Boringhieri Editore, Torino.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
[#8] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2007
Gentili Dottori,
Vi ringrazio per la Vs attenzione.
Mio marito ha già rifatto un'altra visita andrologica per il suo varicocele e il medico ha parlato di "avanzamento" del varicocele di II grado al testicolo sx. Per domani abbiamo fissato un secondo ecocolordoppler scrotale e venerdi dovrà rifare lo spermiogramma.
Lo riporterò alla Vs attenzione per avere dei pareri.
Al momento, per la verità, non siamo ancora alla ricerca di una gravidanza poichè dopo gli esami pre-concenzionali (fatti prima del matrimonio) la mia gine mi ha calorosamente consigliato di fare il vaccino della rosolia visto che sono quotidianamente a contatto con bambini. Al centro vaccinazione mi hanno fatto il trivalente, ossia Morbillo-Parotite-Rosolia. So che cmq dobbiamo aspettare circa 10 mesi prima di una gravidanza, ma stiamo cercando adesso di "risolvere" le criticità che abbiamo incontrato.
Vi disturberò presto...
cordialmente Vi saluto.
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ci tenga informati.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
[#10] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2007
Gentili Dott.ri,
eccomi di nuovo qua per un consulto. mio marito, come già anticipato, ha rifatto sia l'ecocolodoppler scrotale, sia lo spermiogramma.
L'eco ha riportato un varicocele bilaterale di secondo grado.
Lo spermiogramma, invece, è questo:

Giorni di astinenza: 3
Aspetto: REGOLARE
Quantità: 4,1 c.c.
Fluidificazione: REGOLARE
Viscosità: REGOLARE
ph: 7,9
Numero spermatooi X cc: 45 MILIONI.
MOTILITA'
Spermatozoi mobili: 70%
Motilità tipica progressiva: 10%
Motilità lentamente progressiva: 15%
Motilità discinetica: 20%
Motilità agitatoria in loco: 25%.
MORFOLOGIA NEMASPERMICA
Spermatozoi normoconformati: 60%
Spermatozoi giovani: 10%
Spermatozoi atipici: 30%.
ALTRI ELEMENTI
Cellule germinali: PRESENTI SCARSE
Cellule ematiche: ASSENTI
Cellule epiteliali: SCARSE
Corpuscoli prostitici: SCARSI
Leucociti: 5-10 x cv
Zone di spermioagglutinazione: ALCUNE
Microrganismi patogeni: ASSENTI.

Diagnosi: NORMOSPERMIA

L'andrologo che abbiamo consultato ha detto di non vedere necessaria nessuna cura.
Nè però ha dato per certo la possibilità di una gravidanza (so che concorrono tanti altri fattori e fortse proprio per questo non si è sbilanciato).
Secondo il Vs parere?
Grazie di cuore.
cordialmente...
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,
la vostra è una situazione clinica particolare che deve essere affrontata possibilmente da un team che si occupa di questo tipo di problematiche . Io personalmente avrei qualche dubbio , visti gli esami del liquido seminale fatti, sul definirli attendibili visto che viene presentata una morfologia normale al 60%. Con i nuovi criteri dati dall'OMS eccezionalmente raggiungiamo il 30-40%. Comunque a questo punto il giudizio finale deve essere dato dai colleghi che potranno valutare direttamente la vostra situazione clinica di coppia. Teneteci aggiornati.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
[#12] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Concordo con le valutazioni espresse dal Collega Beretta.
[#13] dopo  
Utente 395XXX

Iscritto dal 2007
Gentile Dott. Beretta,
cosa intende per "situazione clinica particolare"?
Per l'attendibilità dei risultati, è èpossibile che ci possano essere stati delle "incidenze" (considerato il gran caldo) sullo sperma durante il trasporto presso il laboratorio dell'andrologo?
Forse, sono domande sciocche, ma cerchi di capirmi... mi ero illusa che tutto fosse a posto.
Grazie, comunque, a Lei e agli altri dottori per l'attenzione.
[#14] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice,
un pò tutte le situazioni sono "particolari". Nel vostro caso ,ad esempio, la sua età ci dice che non dobbiamo perdere molto tempo. Il caldo della stagione a livello del liquido seminale ha un'influenza minima e aiuta caso mai nel suo trasporto al laboratorio. Ultima osservazione , a questo proposito, è bene , quando è possibile, fare l'esame in sede .
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
www.andrologiamedica.org