Utente 168XXX
Bongiorno
sono una ragazza di 28 anni
all incirca 7 anni fa ho iniziato ad avere disturbi quali scariche improvvise precedute da sudorazione e sensazione di svenimento,poi si è aggiunto un prurito anale dovuto ad un "appendice" che fuoriusciva e del muco quando andavo in bagno.ho fatto una visita presso uno specialista che non ha riscontrato nulla di anomalo e mi ha semplicemente consigliato delle fibre da integrare alla mia dieta.un anno dopo mi sono iscritta all università e la situazione è peggiorata perchè ero sempre stressata e stando fuori casa tutto il giorno non andavo mai in bagno quando avrei dovuto.Da allora ogni giorno mi si gonfiava sempre più la pancia di aria e quando tentavo di andare in bagno,anche se lo stimolo era passato,non riuscivo e probabilmente spingevo più del necessario.Sono iniziate cosi perdite di sangue e man mano si è verificato un prolasso anale.dopo una seconda visita proctologica da un altro specialista mi sono sottoposta all intervento chirurgico (che risale a un anno fa) ma da allora il mio desiderio sessuale è scomparso e quando provo ad avere rapporti non provo piacere e sento delle fitte che coinvolgono anche la parte rettale...e quotidianamente ho una sensazione di pesantezza e fastidio muscolare sia nella parte vaginale che rettale.tutto ciò mi sta creando problemi anche a livelli psichico e volevo chiedere cosa è possibile fare e se tutto ciò è una conseguenza dell operazione o se devo distinguere i due problemi.
ringazio anticipatamente
cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Relativamente al desiderio sessuale, non mi risulta ci siano rapporti con la patologia che descrive e con l' intervento. Credo quindi una consulenza sessuologica sia indicata.
Per quanto riguarda invece i sintomi 'locali', possono invece in effetti avere una relazione con la patologia e l'intervento, credo quindi una visita proctologica, magari dal collega che ha eseguito l' intervento, sia indicata. Auguri!